MutuiOnline, comparare è importante

Come superare l’affanno dei momenti critici e vivere più sereni: per chi deve sottoscrivere o rimborsare un mutuo la sfida può sembrare ciclopica, ma le soluzioni non mancano. Roberto Anedda, responsabile marketing della società di brokering MutuiOnline spiega: «Innanzitutto, non facciamoci fuorviare dal pensiero che tutte le banche sono uguali. Il confronto è l’esercizio obbligato per chi voglia accendere un mutuo o rimpiazzare quello già in corso perché pesa troppo: si raccolgono informazioni, si sentono pareri diversi e si confrontano le differenti proposte. Sul nostro sito www.mutuionline.it è possibile comparare le offerte di 40 banche. E, al telefono, ottenere consulenze gratuite evitando i possibili errori». Piuttosto tipici di chi pensa di poter fare da sé. «Inutile improvvisarsi esperti di mutui, se c’è la possibilità di ottenere un aiuto da chi se ne occupa per mestiere. Abbiamo inventato questo nostro servizio otto anni fa, perché non esisteva; e tuttora manca una cultura finanziaria diffusa, per cui è essenziale il supporto di un operatore indipendente che consente alle famiglie di comprendere meglio, senza spendere nulla, in quale direzione orientarsi prima di agire», decidendo consapevolmente caratteristiche e portata del finanziamento. Una scelta che dovrebbe presupporre sempre di non fare il passo più lungo della gamba.
«Meglio - suggerisce Anedda - rivedere i desideri nell’acquisto di un immobile riducendo la metratura o allontanandosi un po’ dal centro, piuttosto che esporsi troppo, portando al massimo la rata di rimborso: il mutuo peserà meno e sarà ripagato in tempi più brevi». E per i mutuatari alle prese con la salita dei tassi, ecco l’opportunità di passare a mutui meno gravosi: «Le offerte delle banche ci sono. Oggi oltre il 40% delle richieste interessa i mutui di sostituzione. Gli istituti di credito hanno rivisto le proprie proposte e un numero crescente di banche sta inserendo a portafoglio la modalità della surroga». Non c’è dubbio, comunque, che i mutui vengano considerati più rischiosi, i finanziamenti oltre l’80% del valore dell’immobile risultino più ridotti che in passato e gli spread applicati abbiano ricevuto in media progressivi ritocchi in alto, in ragione dell’aumentare dei tassi. Che oggi, nelle migliori offerte di mutuo, difficilmente scendono sotto la soglia del 5,5%, con le tipologie di saggio, fisso e variabile, ormai pressoché allineate.
Le preferenze dei nuovi mutuatari, stando all’Osservatorio di MutuiOnline, è a favore del primo, con l’80% delle richieste. In parallelo, l’importo medio erogato si attesta attorno ai 122mila euro, ben al di sotto del picco registrato lo scorso anno. «Se i mutui per acquisto calano - conclude Anedda - il trend dei finanziamenti di surroga è di costante crescita. Come pure la ricerca e le richieste tramite Internet».