Nani e Afellay nella lista Conte Anche la Roma punta su Palacio

Semplici correttivi di qualità? Come non detto. Quella della Juventus è una vera e propria rivoluzione che non si fermerà a Vucinic, peraltro arrivato dopo altri probabili titolari come Pirlo, Vidal, Lichsteiner e Ziegler: Conte ha chiesto anche un esterno sinistro «alto» e un difensore centrale che lo lasci più tranquillo di quanto non sia capace di fare Bonucci. Per il primo spot, anche se al momento fioccano le smentite, la strada giusta potrebbe portare a Firenze: Vargas rappresenta l'identikit ideale e in riva all'Arno la Juve spedirebbe Amauri e/o Martinez. In alternativa, sempre senza fretta, dalla Spagna segnalano l'interesse per Diego Perotti, 23enne del Siviglia che costa una dozzina di milioni. Altri nomi caldi: Nani del Manchester United (ma costa almeno due volte tanto), Ibrahim Afellay (Barcellona) ed Eljero Elia (Amburgo). Davanti a Buffon, invece, il nome più caldo resta quello dell'uruguaiano Diego Lugano, seguito a ruota da Alex (Chelsea).
Ieri intanto è diventato ufficiale il passaggio del portiere Maarten Stekelenburg dall'Ajax alla Roma per sei milioni, più due di bonus: i giallorossi vorrebbero anche il brasiliano Nilmar, ma il Villarreal ha dichiarato chiuso il mercato in uscita e allora il ds Sabatini punta dritto su Palacio sperando di sorpassare l'Inter. Capitolo portieri. Il Palermo (ufficiale Pastore al Psg per 43 milioni) vuole Sorrentino e Sorrentino vuole il Palermo: l'offerta è di 3 milioni più uno tra Benussi e Rubinho, mentre i veronesi vorrebbero il centrocampista Acquah o la punta Gonzalez. Diamanti è nel frattempo diventato un giocatore del Bologna: 1,5 al Brescia per metà cartellino. Il Novara ha chiesto Pasquato dalla Juve, ma Conte non ha ancora deciso se tenerlo e comunque a Torino arriverebbe la punta Beltrame, 18enne di cui si dice un gran bene. La Lazio insegue Parolo, centrocampista rivelazione dell'ultima stagione con la maglia del Cesena: il Cagliari però pare pronto a offrire 4 milioni per la comproprietà e potrebbe spuntarla. Quanto al Milan, Galliani ha spiegato che «il ritorno di Kakà è un'operazione impossibile. Il calcio italiano non può permettersi colpi da 50 milioni. Mister X? C'è o non c'è. Vedremo cosa succederà da qui alla fine del mercato, ma la squadra è già forte così. Ibrahimovic è il miglior centravanti del mondo ed è blindatissimo. Anche Cassano lo è: se non ci chiede di partire, rimarrà con noi».