Naomi madrina ritardataria

Bimbi e madri all’addiaccio in attesa della star

Vabbè che le belle donne si fanno sempre aspettare, certo che Naomi Campbell almeno ieri poteva fare in modo di arrivare puntuale a un appuntamento che era benefico e per nulla galante. Va anche detto che l’agente della modella supertop ha precisato che «il volo da Londra aveva un’ora di ritardo» e che tutto è finito tra l’entusiasmo dei presenti, ma i presenti erano anche i ragazzi disabili di un circolo ricreativo (da inaugurare nell’occasione) al quale la Venere Nera doveva consegnare due furgoni donati da Fiat Professional.
«Welcome Naomi, we love you», era scritto su un cartello. Certo però che, attesa da molti fin da inizio pomeriggio, al freddo fuori la Cascina Bellaria, quando è apparsa, in ritardo di un’ora e mezza, la madre di un disabile, di certo stufa, le ha urlato «La prossima volta chiamiamo Michelle Hunziker che è svizzera e dovrebbe arrivare in orario». Battuta bella quanto Naomi.