Napoli, agente investito Arrestata oggi la pirata

Le accuse sono di omicidio colposo, fuga e omissione di soccorso. La polizia è risalita alla 35enne di Pianura dopo avre ritrovato alcuni pezzi del furgone con cui è stato investito e ucciso l'ispettore capo Rosario Tornese

Napoli - Una donna di 35 anni è stata arrestata dagli agenti della polizia stradale: è accusata di essere stata alla guida del furgone che domenica sera ha investito e ucciso un ispettore capo della stradale, Rosario Tornese. Il poliziotto, libero dal servizio, era accorso in aiuto del figlio rimasto con la sua auto in panne sul raccordo stradale Quarto, la bretella a scorrimento veloce che da Quarto conduce alla variante alla strada statale Domiziana. Le indagini condotte dagli agenti della sottosezione di Fuorigrotta e del compartimento di Napoli, sono iniziate dal ritrovamento, nell’autovettura di Tornese, di alcuni frammenti in plastica del veicolo investitore e hanno portato al ritrovamento del furgone "Nissan Trade" nell’abitazione di una donna, M.C.di 35 anni, residente nel quartiere Pianura a Napoli. Sul veicolo, abilmente occultato, erano evidentissime le tracce dell’investimento. Durante l’interrogatorio la donna ha ammesso le proprie responsabilità ed è stata arrestata con le accuse di omicidio colposo, fuga e omissione di soccorso.