Napoli, agguato in centro ucciso un uomo, ferita la moglie

Vincenzo Cerbone, 27enne, pregiudicato, legato a Salvatore Torino, capoclan del rione Sanità, in guerra da anni con la cosca di Giuseppe Misso. L'uomo era in motorino con la moglie, rimasta lievemente ferita 

Napoli - Un uomo è stato ucciso e una donna è rimasta ferita alla mano, a Napoli, da colpi di arma da fuoco. Il fatto, secondo una prima ricostruzione della polizia, è avvenuto in via Fonseca, angolo vico Neve, nel centro storico della città. I due sono stati portati al vicino ospedale San Gennaro. È Vincenzo Cerbone, di 27 anni, pregiudicato, la persone uccisa in via Fonseca a Napoli, mentre ad essere rimasta ferita è sua moglie, Antonella Vitiello, anche lei 27enne. La polizia sta cercando di ricostruire l'accaduto, ma le indagini sarebbero rese complicate dalla difficoltà a individuare testimoni. Secondo quanto si è appreso successivamente da fonti investigative, Vincenzo Cerbone era un rapinatore di professione. È trapelato che l'uomo ucciso oggi pomeriggio era il cognato di Fausto Valcarenghi uno dei 172 arrestati del blitz di tre giorni fa contro i clan Giuliano e Mazzarella. Cerbone, secondo quanto riferiscono fonti investigative, era legato a Salvatore Torino, capoclan del rione Sanità. Torino, da anni è in guerra con la cosca di Giuseppe Misso, dal quale si è staccato negli anni scorsi. Tra Misso e Torino è in atto una sanguinosa faida. Cerbone, quando è stato assalito dai sicari, si trovava in motorino con la moglie, rimasta lievemente ferita nell'agguato. Con l'omicidio di Vincenzo Cerbone, 27 anni, ucciso intorno alle 15;30 a Napoli, sale a 28 il numero delle persone uccise dall'inizio dell'anno. Sono nove gli omicidi avvenuti negli ultimi dieci giorni.