Napoli, in un anno furti e danni per 700mila euro

da Napoli

Furti e danni all'università Federico II di Napoli, nell'ultimo anno, per un ammontare di 700mila euro. Il dato è fornito dalla Confederazione degli studenti dopo l'ennesimo episodio ai danni di una delle facoltà.
«I furti di computer e suppellettili nelle nostre facoltà devono far pensare. Bisogna assolutamente organizzare un coordinamento per la sicurezza - dice Luigi Napolitano rappresentante del Consiglio degli studenti per la Cds - potenziando in qualsiasi modo il controllo soprattutto nelle ore di minore affluenza degli studenti e dei docenti».
Per gli studenti bisogna investire su attrezzature di videosorveglianza come già è stato disposto in alcuni dipartimenti.
Gli studenti chiedono, inoltre, di incontrare i responsabili della commissione prevenzione e sicurezza dell'Ateneo al fine di adottare un piano integrato comune. «Bisogna inoltre capire anche perchè negli ultimi casi di furto non si rilevano segni di scasso evidenti» conclude Rosario Pugliese della Confederazione. Saranno più di 70 le città italiane (tra queste Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, Palermo, Bari) in cui l'Unione degli studenti, l'Unione degli universitari e la Mutua studentesca promuoveranno cortei il 17 novembre, giornata di mobilitazione studentesca mondiale indetta il 30 gennaio 2005 alla quarta Assemblea internazionale degli studenti all'interno del World social forum di Porto Alegre.