Napoli, auto travolge e uccide madre e figlio

Una donna e suo figlio di 10 anni sono stati investiti e uccisi in viale della Resistenza a Scampia. Sono morti. L'investitore, un invalido di 39 anni, è stato arrestato

Napoli - Una donna e suo figlio sono stati investiti e uccisi da una Fiat Punto in viale della Resistenza a Scampia, quartiere Nord di Napoli. Alla guida della vettura un invalido civile di 39 anni. L’uomo è ora negli uffici del commissariato locale: gli investigatori vagliano la sua versione dei fatti. La zona in cui si è verificato l’incidente questa mattina era affollata per la presenza del mercatino settimanale. Le due salme, di Angela De Rosa, 51 anni, e di suo figlio Umberto, 10 anni, sono rimaste a lungo sul posto per i rilievi. Secondo quanto si è appreso, l’uomo guidava a velocità molto sostenuta e ha avuto un impatto anche con un’altra vettura. La gente presente al momento dell’incidente ha anche tentato di aggredire l’investitore, ma è stata bloccata dalla polizia prontamente intervenuta.

Arrestato Ciro De Angelis, il 39enne che ha investito e ucciso a Scampia una donna e il suo bambino, è stato arrestato per duplice omicidio colposo. Il fermo è stato disposto dal pm di turno De Angelis, dopo averlo ascoltato a lungo. L’uomo aveva avuto anche la patente di guida ritirata nei mesi scorsi dai vigili urbani che lo avevano sorpreso alla guida di un’auto risultata sottoposta a sequestro amministrativo, senza assicurazione e senza revisione. De Angelis soffre di dispnea notturna.