Napoli, minorenni stuprano e filmano con il cellulare

Una 20enne violentata da un 15enne e un 16enne nei bagni della Circumvesuviana di Saviano. Violenza filmata con i videofonini. Dopo il ricatto e l'arresto

Napoli - In due, un quindicenne e un sedicenne, hanno violentato una ragazza di 20i anni nei bagni della Circumvesuviana di Saviano (Napoli). Hanno ripreso il tutto con un videofonino e proprio avvalendosi di quelle immagini l’hanno minacciata. Le hanno detto che avrebbero diffuso quel video se avesse denunciato qualcosa e se non si fosse presentata il giorno dopo, allo stesso posto, per subire un altro rapporto sessuale. A portare la vicenda allo scoperto, alla fine, è stata proprio la 20enne che ha denunciato tutto, facendo arrestare i due per rapina e violenza sessuale. La brutta storia risale allo scorso 7 novembre. Nella stazione della Circumvesuviana di Saviano i due studenti minorenni costringono la ragazza a consegnare un pacchetto di sigarette. Poi, con botte e minacce la costringono a seguirli nel bagno. È lì che avviene la violenza sessuale: il tutto davanti alla telecamera del videofonino. Immagini che si trasformano in ulteriori minacce. La 20enne subisce, ma dopo denuncia tutto ai carabinieri.