Napoli, Palermo, Bari rischiano gli Europei

Napoli. Gli stadi di Napoli, Palermo e Bari rischiano di perdere gli Europei 2012 di calcio, per i quali l'Italia ha avanzato la candidatura, a causa di lavori particolarmente onerosi di cui necessitano gli stadi. Lo ha detto il ministro allo Sport Giovanna Melandri. «L'Italia ha perso un po’ di tempo. Da quando Pancalli è commissario della Figc, si è visto bene il progetto con cui l'Italia si presentava a questa candidatura e abbiamo visto che per gli stadi di Palermo, Bari e Napoli i lavori di ristrutturazione, richiesti dalla Uefa, sono estremamente onerosi. Si parla di circa 100 milioni per ognuno: il mio auspicio è che queste città siano anch'esse in pista e condividano l'evento». Secondo il ministro il progetto Italia deve essere costruito su impianti finanziariamente autonomi. «Il governo prevede un intervento finalizzato ad abbattere i tassi d’interesse. Poi le città si rivolgano al credito sportivo». Replica da Forza Italia: «Il governo faccia chiarezza. Queste parole rischiano di compromettere la strada verso gli Europei».