Napoli, poster di 80 metri e firme per far dimettere il sindaco Jervolino

"O si cambia Napoli o si muore": anche così, con maxi-manifesti lungo
ottanta metri, prende forma la mobilitazione che il Pdl ma anche associazioni della società civile, hanno
deciso di metter in atto per chiedere una "svolta" le dimissioni del sindaco. Manifestazione davanti al Maschio Angioino

Napoli - 'O si cambia Napoli o si muore': anche così, con un manifesto lungo ottanta metri, prende forma la mobilitazione che, soprattutto a partire da domani, il Pdl ma anche associazioni della società civile, hanno deciso di metter in atto per chiedere una "svolta": vale a dire le dimissioni del sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino. Stamattina davanti alla sede del Comune di Napoli, i consiglieri comunali del Pdl hanno raccolto firme contro il sindaco mentre in diversi punti della città sono stati affissi manifesti con slogan 'Iervolino via per sempre', e 'Lasciate libera Napoli' con le foto del primo cittadino, del governatore Antonio Bassolino e del leader del Pd, Walter Veltroni.

Intanto domani, in concomitanza con il primo consiglio comunale dopo il rimpasto, è in programma, davanti al Maschio Angioino, una manifestazione di protesta del Pdl e di cinque associazioni civiche che hanno promosso su Facebook il gruppo 'Napoletani, riprendiamoci la citta'. E' ora di dire bastà. Sul maxi manifesto di ottanta metri affisso sulla facciata dell'ex Sferisterio anche un'immagine di un uomo vestito da Garibaldi con un invito '1000 uomini per salvare Napoli e la Campania'.