A NAPOLI Primario suicida Si è iniettato sostanza letale

Se c’è un motivo, un motivo razionale per il gesto che ha compiuto, non è facile da capire. Salvatore Franzese, primario di chirurgia dell’ospedale Cardarelli di Napoli, si è tolto la vita nel suo studio all’interno del reparto di Chirurgia oncologica che dirigeva. A trovarlo già senza vita è stata la moglie che era passata a prenderlo al lavoro e aveva le chiavi dello studio. Ieri sera è entrata e ha trovato il corpo senza vita. Particolarmente inquietanti le modalità con cui il medico l’ha fatta finita: si sarebbe iniettato una sostanza letale, stando alle prime notizie. Franzese aveva compiuto 60 anni da pochi giorni. Era uno specialista dei tumori all’apparato digerente con 10.000 interventi alle spalle.