Napoli, stangata della Corte dei Conti. De Magistris: "Pronti a mobilitazione"

Il rigetto del ricorso presentato dal Comune fa esplodere la rabbia del sindaco: "Decisione ingiusta, pronti a tutto per vincere la partita di tutte le partite"

É calata la mannaia della Corte dei Conti sul Comune di Napoli, i giudici contabili hanno rigettato il ricorso presentato dall’amministrazione e adesso sull’ente incombe lo spauracchio del crac. De Magistris pronto alla battaglia: "Non ci fermeremo finché non vinceremo la battaglia".

Uno spettro, quello dei debiti del post-terremoto e dell'emergenza rifiuti, che reclama decine e decine di milioni di euro dai conti comunali. Una battaglia a colpi di carte bollate e pignoramenti che, nelle scorse settimane, aveva indotto Luigi De Magistris a manifestare davanti a Montecitorio.

E adesso, con il ricorso rigettato dai giudici e che conferma lo sforamento dei conti nel 2016, De Magistris si ribella con forza annunciando di essere pronto alla “più grande mobilitazione dal dopoguerra” per scongiurare gli effetti della decisione che pende sulle casse del suo Comune. E rassicura tutti: “Il dissesto non ci sarà”.

De Magistris in un intervento alla webtv del Comune di Napoli, spiega: “Aspettiamo le motivazioni per essere più puntuali. Oggi considero questa decisione un errore, perché giuridicamente è infondata e produce una profonda ingiustizia sociale che ricade tutta sulla nostra città. Poi faccio un’altra considerazione di preoccupazione e di gravità: dobbiamo mettere oltre trecento milioni nel bilancio per colpe non nostre - per un debito storico del 1981 e un altro dell’emergenza rifiuti, quegli stessi che noi abbiamo rimosso - , oltre ai debiti, ci tocca pagare pagare anche la sanzione: dovremo pagare due volte. Ciò significa che non avremo i soldi che vorremmo per le politiche sociali, per la qualità dei servizi, per riempire le buche, per gli autobus”.

Quindi promette: “Questa è un’ingiustizia clamorosa che apre la strada a una mobilitazione politica, istituzionale e amministrativa senza precedenti. Non sono mai stato così indignato come dopo la decisione di ieri. Non ci si rende conto dell’ingiustizia sociale che viene fatta per un cavillo formale”. E aggiunge: “Abbiamo iniziato da ieri una mobilitazione politica, mettere in campo tutte le azioni necessarie. Ci fermeremo con le armi della democrazia e della costituzione, finché non vinceremo la partita delle partite. Con Gentiloni farò di tutto perché almeno si risolva la questione della cassa bloccata. Sarà partita tutta parlamentare, perché si tratta di un debito storico che ricade come un macigno sulla città”.

Esclude, però, con una certezza: "Napoli non andrà in dissesto, questa è una buona notizia rispetto a chi voleva darci una spallata".

Commenti

cgf

Gio, 08/03/2018 - 14:47

Mi raccomando, se dovete mandare una PEC al sindaco fatelo solo ed esclusivamente durante gli orari. Questo succede aNNapolE

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 08/03/2018 - 17:36

giggì è arrivato il momento di darti una mossa e andare via! lo so che in giro c'è di peggio, un nome per tutti sala, ma ora tocca a te. cgf, non esibirti nelle lingua napoletana, parla il tuo idioma gutturale oppure fai i segnali di fumo che capirò meglio!