Il Napoli in trasferta non è da promozione

Silvano Tauceri

Il Napoli è fra i candidati alla promozione diretta, arrivare nei primi due posti senza passare per i play-off. Ma questo Napoli riassettato societariamente da De Laurentis e potenziatosi sul mercato non ha convinto, anzi ieri a Bergamo, sconfitto dall’Albinoleffe, ha confermato di soffrire il male di trasferta. Il rigore decisivo del giovane Cellino non può essere l’alibi. Fuori casa il Napoli ha segnato appena due gol pur avendo in attacco il trio Calaiò-Bucchi-De Zerbi. L’allenatore Reja ha cercato soluzioni in corsa senza ottenere benefici nemmeno quando l’Albinoleffe era rimasto in dieci (espulso Innocenti). Questa sconfitta può lasciare il segno in un ambiente facile agli entusiasmi ma altrettanto facile a voltare le spalle quando si sente deluso. Il Napoli avrà l’occasione per riscattare Bergamo lunedì 6 novembre ospitando la Juventus che sta dominando il campionato. Dramma sfiorato a Crotone: il difensore calabrese Rossi è svenuto per un paio di minuti dopo lo scontro con il ghanese Barusso, che ha riportato la frattura di tibia e perone.