Aggrediscono stranieri scambiandoli per ultras avversari

Bloccato un 41enne al San Paolo, caccia ad altri due tifosi violenti. Finiscono in ospedale due degli islandesi scambiati per svizzeri dello Zurigo

Aggrediscono dei giovani stranieri scambiandoli per ultras avversari: a Napoli finisce in manette un 41enne, caccia ad altri due tifosi violenti.

I fatti si sono verificati intorno alle 19.20 della prima serata di giovedì, mentre si giocava allo stadio San Paolo il match di Europa League tra i padroni di casa del Napoli e gli ospiti dello Zurigo. Tutto è accaduto nell’area adiacente al piazzale che si trova nei pressi del settore della Curva A dell’impianto sportivo di Fuorigrotta. Qui i poliziotti hanno visto che tre persone, con il viso nascosto dai cappucci, hanno aggredito tre ragazzi stranieri, di nazionalità islandese, e poi li hanno costretti a consegnar loro un cellulare e una telecamera.

L’intervento degli agenti è stato decisivo per salvare il gruppo di stranieri islandesi, scambiati dai loro aggressori per ultras svizzeri, dalla violenza dei loro aggressori che, alla vista dei poliziotti, si sono subito dati alla fuga lanciandosi nella ressa degli sportivi.

Uno dei tre napoletani, però, è stato bloccato. Ha tentato di reagire e di opporsi fisicamente all’alt dei poliziotti, ma gli agenti sono riusciti a fermarlo lo stesso. Dai controlli è emerso che quel 41enne era già stato sottoposto al provvedimento del Daspo dal 2013 fino al 2015. Per lui sono scattate le manette con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, rapina e lesioni personale in concorso in attesa della celebrazione del rito per direttissima disposto sul suo caso.

Due stranieri e un poliziotto hanno dovuto far ricorso alle cure dei sanitari per le ferite riportate.

Commenti

Reip

Sab, 23/02/2019 - 12:06

E poi qui dentro (incluso il sottoscritto) scriviamo che i trogloditi sono gli african! .