Colpisce uno studente con un cacciavite da 30 cm: arrestato 72enne

L'anziano stava per investire il ragazzo fuori scuola nel Napoletano. Arrestato per lesione personale aggravata, è stato rimesso in libertà

Infilza un cacciavite nel braccio di un 17enne che stava per investire fuori scuola. È finito agli arresti un uomo di 72 anni. Erano appena terminate le lezioni nell’istituto tecnico di Pomigliano (Napoli), l’Itis “Barsanti”, ieri. L’anziano si trovava all’esterno della struttura scolastica per commissioni personali, quando si sono riversati in strada gli studenti. Erano le 13,30, all'incirca. Messa in moto la sua auto, nel fare retromarcia non aveva visto il 17enne.

Il ragazzo stava parlando con alcuni compagni prima di recarsi a casa nel vicino comune di Casalnuovo. Quando ha visto la macchina arrivargli contro, ha tirato un pugno sul cofano, per farla fermare, e ha urlato all’anziano di fare attenzione. A quel punto l’attempato automobilista è uscito dall’auto con un cacciavite e gliel’ha infilzato in un braccio. Questa la dinamica dei fatti ricostruita dai carabinieri della locale stazione intervenuti sul posto. I militari hanno fermato il 72enne Giuseppe Fusco, incensurato, con l’accusa di lesione personale aggravata e hanno sequestrato il cacciavite usato per ferire lo studente, un attrezzo lungo 30 centimetri. Il ragazzo è stato medicato presso la clinica “Villa dei Fiori” di Acerra ed è stato dimesso con 4 giorni di prognosi. L'anziano stamattina è stato giudicato per direttissima presso il tribunale di Nola: il gip ha convalidato il fermo e lo ha rimesso in libertà