Macchinari in tilt, stop alle radiografie negli ospedali napoletani

Le attese dei pazienti per effettuare le verifiche diagnostiche sono diventate lunghissime. Gli utenti vengono trasportati in ambulanza presso altre strutture ospedaliere, con maggiori costi per l’Azienda sanitaria locale

Ancora problemi e disfunzioni per la sanità campana. All’ospedale Loreto Mare di Napoli il guasto di un macchinario ha bloccato l’attività di radiologia, costringendo i medici ad usufruire di consulenze esterne al nosocomio. Il blocco totale delle radiografie è in corso da quattro giorni, con gravi disagi per i pazienti dell’ospedale napoletano.

Dal 29 marzo scorso, quando è stato richiesto l’intervento tecnico per la riparazione del macchinario Kodak, non c’è stata alcuna risposta. Le attese dei pazienti per effettuare le verifiche diagnostiche radiografiche sono diventate lunghissime. Gli utenti vengono trasportati in ambulanza presso altre strutture ospedaliere, con maggiori costi per l’Azienda sanitaria locale.

La situazione è resa ancora più complicata dal fatto che anche il Vecchio Pellegrini a Napoli ha la radiologia in tilt per un macchinario che non funziona da oltre due mesi. Recentemente, sempre al Vecchio Pellegrini, c’è stato l’allarme blatte. Una polemica infinita, con l’ombra del sabotaggio da parte di infermieri e sindacalisti intenzionati a farsi trasferire in altre strutture sanitarie. Sul caso indagano i carabinieri, su richiesta dei dirigenti dell'Asl napoletana.