Muore soffocato bimbo di un anno: inutili i soccorsi dei medici

Nonostante i genitori, due stranieri residenti in città, si siano precipitati in clinica ai primi sintomi, il piccolo è deceduto lungo il tragitto e i medici non hanno potuto fare nulla se non avvisare i carabinieri e la polizia

La tragedia è avvenuta questa notte ad Acerra, in provincia di Napoli. Un bimbo di un anno è morto per soffocamento, nonostante i genitori, due stranieri residenti in città, si siano precipitati al pronto soccorso della clinica Villa dei Fiori ai primi sintomi. Il piccolo è deceduto lungo il tragitto e i medici non hanno potuto fare nulla se non avvisare i carabinieri e la polizia. C'è sgomento nei familiari, che non immaginavano la prematura scomparsa del loro congiunto.

Sulla vicenda l’autorità giudiziaria ha aperto un fascicolo, per le consuete indagini sulla salma del bambino, utili a chiarire i motivi del decesso. Stando alle prime ipotesi sembra che il piccolo abbia perso la vita per soffocamento, probabilmente in seguito a un rigurgito, caso purtroppo ricorrente e definito in gergo medico “sindrome Sids”, ossia la morte in culla.

Meno di due mesi fa, sempre nel Napoletano, a Boscoreale, un altro bambino, di 4 anni, è morto soffocato. Allora fatale fu un mattoncino della Lego. Il piccolo stava giocando con le costruzioni, quando ha ingoiato un pezzo di plastica. Il gioco si è trasformato ben presto in tragedia, poiché il mattoncino della Lego ha ostruito la trachea del bimbo provocandone la morte.