Padre e figlio accoltellano l'inquilino per l’affitto

Dalle parole si è passati direttamente ai fatti: la vittima, di Ponticelli, ha subito prima calci e pugni e, poi, è stato colpito con un coltello diverse volte al capo e al torace

È stato accoltellato più volte all’addome e alla testa da un uomo di 41 anni e da suo figlio, un ragazzo di 16 anni. Ha rischiato di perdere la vita un 29enne di Ponticelli, in provincia di Napoli, che ha subito una violenta aggressione scaturita in seguito a un’accesa lite per l’affitto di un appartamento.

Padre e figlio, originari di Casalnuovo, si erano recati fuori la casa di Ponticelli, di loro proprietà, per sollecitare l’inquilino a pagare il fitto arretrato. Dalle parole si è passati direttamente ai fatti: la vittima ha subito prima calci e pugni e, poi, è stato accoltellato diverse volte al capo e al torace.

Sul posto sono giunti i medici del 118, che hanno soccorso il 29enne trasportandolo nella vicina clinica Villa Betania. L’uomo non è in pericolo di vita e potrà presto tornare nella sua abitazione. I carabinieri, che hanno avviato immediatamente le indagini, hanno rintracciato i due aggressori e li hanno denunciati.

Un paio di anni fa un diverbio acceso tra coinquilini a Milano, sempre per il pagamento dell’affitto, è finito in tragedia, con la morte per accoltellamento di un uomo di 46 anni, per soli 400 euro da versare al proprietario dell’appartamento.