La Tav (per ora) va avanti: ecco la mossa del M5s per evitare il referendum

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli apre alle pubblicazione dei bandi Telt: "Se partissero non mi preoccuperei"

Almeno per il momento la Tav va avanti. Sarebbe questa la mossa del Movimento 5 Stelle per evitare il referendum sulla grande opera e per affrontare con più vento in poppa le elezioni regionali in Piemonte e le elezioni europee di fine maggio.

Già, il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ha aperto alla pubblicazione dei bandi Telt (Tunnel Euralpin Lyon Turin), bandi che si possono annullare entro sei mesi. "Se partissero non mi preoccuperei. Nel diritto francese c'è la clausola di senza seguito, i bandi se dovessero partire rappresentano in realtà una ricognizione di sei mesi, non partono i bandi ma parte una ricognizione".

In occasione della conferenza stampa sulla presentazione della Conferenza nazionale sul trasporto aereo, il ministro pentastellato ha dichiarato: "Nei prossimi giorni faremo un incontro con il premier Giuseppe Conte e i due vicepremier Di Maio e Salvini e chiariremo tutto. E nonostante i punti di partenza distanti arriveremo ad una decisione".

Dunque, ospite de L'aria che tira su La7, Toninelli ha dichiarato: "C'è una narrazione ossessiva nei confronti della Tav, che è uno dei tanti cantieri aperti in tutt'Italia. Io spero vivamente che oltre alla Tav si torni a parlare degli altri cantieri, stiamo sbloccando cantieri bloccati da anni e da decenni. Non è assolutamente vero che ci sono cantieri fermi, l’unico bloccato è quello della Tav".

Intanto il dossier è finito nelle mani di Conte. Lo stallo al momento resta: la Lega vorrebbe concludere l'opera, magari rivedendola un po. Una parte del M5S è invece del tutto contrario. Un modo per uscire dall'impasse potrebbe essere quello di avviare i bandi per l'opera, inserendo una clausola sospensiva in modo da poter in ogni momento tornare indietro. Secondo la legge francese, infatti, l'avvio di una gara con l'invito a partecipare non comporta automaticamente l'avvio dei lavori.

Si potrebbe così guardagnare tempo, senza far irritare francesi e Unione Europea. L'obiettivo è quello di non perdere i 300 milioni dei fondi europei e di non penalizzare a livello finanziario la Telt (azienda che realizza l'opera). Il premier comunque pare aver chiesto un supplemento di analisi sui costi e benefici dell'Alta velocità in modo, magari, da arrivare ad un nuovo progetto che ridimensioni l'infrastruttura e soprattutto i costi. "Sto studiando bene il dossier, dopo che è stato consegnato l'elaborato peritale degli esperti, quindi ci riuniremo per discuterne", dice Conte pressato dai cronisti.

Commenti

michele lascaro

Gio, 28/02/2019 - 16:37

Imbonitori da quattro soldi.

gigetto50

Gio, 28/02/2019 - 16:46

...bene...bene...ma sarebbe meglio e saremmo tutti piu' contenti se rendesse pubblici a tutti anche con una slide riassuntiva, tutti gli altri cantieri che dicono essere aperti…….

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Gio, 28/02/2019 - 17:04

Va a finire cosi. Dopo l europee i 5* avranno la scusa di essere coerenti con il loro mantra. Darano alla Rousseau il voto sul farla o no. Li, se Grillo vuole, verra' fuori il "SI, si faccia", e il governo terra' ancora (quanto non si puo' sapere). I 5* devono capire che se vogliono ancora essere al governo dovranno cedere certe cowe. La TAV e' una di loro. Se non ci stanno con la TAV, dal voto Rousseau verra' fuori il NO, e saltera' il governo. Certo la voltagabbagine italiana e' cosi forte che un proceso di divisione dei 5 * non mi sorprenderebbe. Pur di magna' se fa de tutto.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Gio, 28/02/2019 - 18:06

Finirà che qualcuno piangerà lacrime amare. Rivoluzione contro questi cialtroni, associazione a delinquere.

paràpadano

Gio, 28/02/2019 - 18:18

se si va a referendum siete definitivamente morti e sepolti.

FrancoM

Gio, 28/02/2019 - 18:36

Il cinque stelle è un movimento nato per favorire i nemici del Paese. Bloccare tutto e danneggiare al massimo possibile. Hanno infinocchiato moltissimo con le balle dell'ambiente e dei costi-benefici. Il fine vero è spianare la strada agli invasori che vengono a fare shopping. Ora tentano di resistere e continuare a fare danno ... Il problema che hanno è che la stupidità della loro classe non-dirigente.

Ritratto di mailaico

mailaico

Gio, 28/02/2019 - 18:50

vuoi vedere che ora si rimangiano tutto ? e i loro votanti eco-terroristi della val di susa che faranno ? spero che li appenderanno per i piedi e poi si buttino pure loro giu' dalla montagna e non ci rompano piu' i coxxioni!

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Gio, 28/02/2019 - 19:13

Picchiatelo

Asterix il Gallo

Gio, 28/02/2019 - 19:19

Pensare in modo riduttivo che il tunnel colleghi solo Torino a Lione, senza pensare che collega ad esempio Salerno a Londra è da fuori di testa. Facessero veramente vedere dove si collega la linea dell’alta velocità e dove si potrà arrivare in tutta Europa farebbe capire che per gli aerei a breve raggio le ore sono contate

Mr Blonde

Gio, 28/02/2019 - 21:25

questi 4 imbecilli in un modo o nell'altro pur di rimanere al governo faranno un quesito (dove il si varrà per il no, il no per il ni e il forse per un si) a quell'altra massa di idioti su rousseao che in qualche modo darà il via alla tav. Tanto lo avrà deciso la rete...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 28/02/2019 - 22:03

Facciamo il referendum, così prendete lo schiaffone finale, con percentuali bulgare. Manica di parassiti del 5S, abbiate i lcoraggio. Fate saltare fuori la verità e la volontà del popolo, non di 4 parassiti digitalizzati.

Popi46

Ven, 01/03/2019 - 06:05

Giusto, è sempre bene la clausola che permetta un ripensamento, altrimenti la tarantella decisionale finirebbe