Violenza sui politici: il triste primato di Napoli e della Campania

Il report “Amministratori sotto tiro” è stato redatto dall’associazione Avviso Pubblico che, anno dopo anno, analizza i casi di intimidazioni ai danni di esponenti politici locali

Napoli e la Campania condividono l’ennesimo triste primato: sono in testa nella classifica delle violenze e delle intimidazioni nei confronti dei politici oggetto di indagini da parte dei carabinieri e della altre forze dell'ordine. Il report “Amministratori sotto tiro” è stato redatto dall’associazione Avviso Pubblico che, anno dopo anno, analizza i casi di violenza e intimidazioni ai danni di amministratori ed esponenti politici locali.

Sono 47 i casi verificatisi in provincia di Napoli nel 2018, addirittura il 38% in più rispetto al dato precedente del 2017. In totale, in tutta la Campania, sono invece 93 i casi di violenza registrati. “Un numero altissimo – è il commento del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli – se si tiene conto che la Puglia, al terzo posto, conta 59 casi”.

Nel caso della Campania l'incremento anno su anno è dell'8%. Un altro dato preoccupante è il totale dei casi registratisi a Napoli e provincia dal 2015 allo scorso anno: 156, un record. Il fenomeno è in crescita a Napoli e nel Casertano, mentre è stabile o diminuisce a Salerno, Avellino e Benevento.