Napolitano alla famiglia del maresciallo: "Dolore e orgoglio"

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso alla
moglie e alla madre del maresciallo Paladini "i sentimenti di
riconoscenza del paese, di sentito orgoglio e di sincera partecipazione
al grande dolore"

Roma - Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso alla moglie e alla madre del maresciallo Paladini "i sentimenti di riconoscenza del paese, di sentito orgoglio e di sincera partecipazione al grande dolore". Lo rende noto una nota del Quirinale.

Napolitano, si legge nella nota, ha appreso "con profonda tristezza dell'efferato attentato terroristico avvenuto questa mattina in Afghanistan, in cui hanno perso la vita il maresciallo Capo Daniele Paladini del 2/o Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, mentre assolveva ai suoi doveri nell'ambito della missione Isaf, e nove civili afghani, tra cui quattro bambini, spettatori di uno dei momenti dedicati all'impegno italiano per la ricostruzione civile del paese". "In questa triste circostanza - prosegue il comunicato - il Capo dello Stato ha espresso, in un messaggio alla moglie del maresciallo Paladini, signora Alessandra Rizzo, i sentimenti di riconoscenza del paese, di sentito orgoglio e di sincera partecipazione al grande dolore. In un messaggio alla madre Lucia Stefanizzi Paladini, il Presidente Napolitano ha espresso il suo intenso cordoglio e la più sentita partecipazione all'immenso dolore della famiglia". "Il Capo dello Stato - continua - ha altresì inviato un messaggio al ministro della Difesa Arturo Parisi in cui esprime all'esercito italiano i suoi sentimenti di cordoglio, di solidarietà e di intensa partecipazione. Al Ministro Parisi il Capo dello Stato ha chiesto di rendersi interprete, presso il governo afghano del suo pensiero commosso e solidale per le vittime innocenti di tanta cieca inumana violenza". "Il Presidente Napolitano - conclude la nota - ha inoltre fatto giungere il suo più affettuoso auspicio ai feriti per una loro pronta guarigione".