Napolitano zittisce il pessimista Celli

In tanti hanno auspicato che alla fine fosse il padre, piuttosto che il figlio, a lasciare l’Italia. E ieri la lettera aperta del direttore generale dell’università Luiss Pier Luigi Celli, nella quale invitava il figlio ad andare all’estero per costruire il suo futuro, ha ricevuto l’ultima clamorosa risposta; dal capo dello Stato in persona. «Un Paese che sia all’altezza delle conquiste delle civiltà contemporanee più avanzate»: così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (nella foto) pensa si possa far diventare l’Italia. Basta crederci. E magari avere intorno qualche pessimista in meno...