Napolitano

Un appello accorato ma anche indicazioni concrete sull’attuazione della riforma. Giorgio Napolitano prende spunto dal congresso dei penalisti riuniti da ieri a Palermo per affrontare i problemi della giustizia. Così nel messaggio inviato al presidente dei Perry Mason italiani, Oreste Dominioni, il capo dello Stato raccomanda «interventi di ampio respiro» da definire con «un confronto anche serrato, ma scevro da sterili contrapposizioni e non influenzato dalle contingenze». Soltanto un confronto di questo tipo, aggiunge il presidente della Repubblica, «può condurre a scelte capaci di restituire qualità ed efficienza al processo penale. A tal fine assumono rilievo centrale il rafforzamento del ruolo di garante del giudice e la rigorosa riqualificazione di quello del difensore».