Le narcosale di Torino piacciono alla Turco

Torna in primo piano a Torino il progetto di istituire delle narcosale, luoghi deputati ad ospitare tossicodipendenti nel momento dell’assunzione della droga. Un primo parere positivo è stato espresso subito dai ministri alla Sanità, Livia Turco, e alla Solidarietà Sociale, Paolo Ferrero. Agguerrita l’opposizione di centrodestra. Per An è «un’idea antiumana e criminale», mentre i leghisti affermano che «aprire le narcosale vuol dire assistere al suicidio in diretta dei giovani». «Progetto kamikaze» è invece la definizione di Forza Italia.