Narcotizzati nella loro villa e derubati di soldi e gioielli

Vittime due coniugi di 50 anni: solo al risveglio hanno scoperto il furto

Hanno narcotizzato i padroni di casa, poi hanno fatto razzia nella villetta, con tutta calma. Rubando preziosi, soldi in contanti, telefonini e, visto che c’erano, anche due costose Mercedes parcheggiate in garage. Le vittime si sono rese conto di quel che era accaduto nel corso della notte, soltanto al mattino. Quando si sono svegliati con qualche ora di ritardo rispetto al solito, con un forte mal di testa e senso di nausea. Guardatisi intorno hanno realizzato che, mentre dormivano, qualcuno aveva saccheggiato casa. Senza tuttavia fare loro del male.
È successo l’altra notte a Pogliano Milanese, vicino a Rho, dove una banda di malviventi ha preso di mira una villetta del centro. Marito e moglie, entrambi cinquantenni, erano andati a letto poco dopo la mezzanotte e si erano addormentati senza timori. Probabilmente i banditi li tenevano d’occhio, così quando hanno avuto la certezza che potevano agire indisturbati, hanno forzato una porta finestra e sono entrati in soggiorno.
Uno di loro ha raggiunto la camera da letto al piano superiore e, senza far rumore, ha spruzzato in faccia alla coppia del gas soporifero che li ha trascinati nelle braccia di Morfeo, senza timore di risveglio. Hanno quindi razziato tutto quanto era a portata di mano, frugando nei cassetti e negli armadi. Poi si sono accorti delle chiavi delle automobili lasciate in un contenitore. Le hanno prelevate e, raggiunto il box, si sono allontanati a bordo delle stesse.
La coppia si è svegliata poco prima delle 10 e, constatata l’effrazione, ha subito avvertito i carabinieri che hanno effettuato alcuni rilievi nella villetta, alla ricerca di tracce lasciate dai malviventi. Del tutto inesistenti, da quanto si è appreso. Ciò fa pensare, anche in funzione dell’utilizzo del gas soporifero usato, che ad agire sarebbero stati malviventi professionisti.