Nasce una barca diversa Ita 94 in mare a gennaio

Il designer Maletto: «Ha linee di carena più estreme di Ita 86»

Nelle scorse settimane è arrivata a Valencia l’ultima Luna Rossa, con numero velico ITA 94, che è stata festeggiata con una cena di fine anno di tutto il team che sarà in vacanza per un paio di settimane. È stata costruita negli impianti della Persico Nautical Division e portata a termine dal Team dei boat builders Luna Rossa, diretto dal neozelandese Richard Gillies, formato da 27 persone di 9 nazioni. Claudio Maletto, Yacht Designer e veterano del team di 22 che ha progettato la barca, ha detto: «Questa barca rappresenta il risultato di tre anni di lavoro di Team Luna Rossa e si differenzia nettamente dalla prima ITA 86 che ha navigato quest'anno. Un aspetto molto interessante per noi è stato il full scale testing che abbiamo potuto svolgere quest'anno su ITA 86 verificando le nostre intuizioni. Le modifiche che abbiamo apportato sull'86 al termine dell'ultima serie di regate, ci hanno di fatto consentito di lavorare su tre barche diverse. La ITA 86 del varo era una barca di transizione tra quelle della scorsa Coppa e quello che è oggi ITA 94, che presenta forme estreme e a livello strutturale risulta molto nettamente l'evoluzione delle linee di carena». Lo scafo sarà ora completato e testato, il varo pubblico è previsto nella seconda metà di gennaio e precederà di poco i primi giorni di navigazione. È arrivata a Valencia anche la seconda barca del sindacato spagnolo Desafio, che sarà messa a punto tra gli altri da Paul Cayard che lavorerà con il sindacato spagnolo. Voci che arrivano dalla Nuova Zelanda dicono che il secondo timoniere, l'olimpionico inglese Ben Ainslie che pur di tenere una ruota aveva rinunciato al ruolo di tattico sulla prima barca, in allenamento sia spesso più rapido e aggressivo del titolare kiwi Dean Barker, così incisivo da poter porre un problema di scelta.