Nasce il caffè dove si parla solo di sesso

da Parigi

Ci si siede e si parla, si discute, ci si scambia esperienze e pareri di natura sessuale: sono i caffè-sexo, ultima tendenza della capitale francese.
Dopo i caffè-psyco e i caffè-philo, dove ci si ritrovava per dibattere su questioni psicologiche e filosofiche, la nuova frontiera ancora da esplorare è quella del sesso, argomento da affrontare nei locali, appunto, rilassandosi e sorseggiando un drink o una bevanda calda. A Parigi esistono già alcuni caffè-sexo, dove vengono organizzate serate di dialogo in date fisse: per partecipare a una di queste «sedute di educazione sessuale», basta inviare una mail agli ideatori, sul sito www.helenelechevalier.com e il gioco è fatto.
La meta serale, a quel punto, sarà, ad esempio, il ristorante «48» a Montmartre; oppure la brasserie «Aux delices royales», nel Marais. Una volta giunti a destinazione, non basta ordinare da bere: bisogna partecipare ai dialoghi, raccontare di sé, aprirsi agli altri «a scopo terapeutico - come sottolinea la psicanalista Helene Lechevalier - ma soprattutto informativo». Una sorta di «Sex and the City» versione casalinga e parigina: un clima rilassato, una buona tazza di caffè e confidenze fatte a perfetti sconosciuti.
La tendenza ha preso piede anche nella discoteca «Reservoir» che, una volta al mese, programma la serata «ZonErotikon»: dibattiti letterari, scientifici e filosofici, con la partecipazione di scrittori, musicisti, attori e cantanti per una lettura in chiave intellettuale dell’erotismo.