Nasce a Genova il primo Master in «canzonette»

Per Edoardo Bennato sono solo canzonette, ma per l'Università di Genova, che ieri nell'Aula Magna ha presentato il primo corso post-laurea in «Canzone e Popular music», il folk è una cosa seria. Al punto che ormai «Sanremo non è più il Festival della canzone».
A dirlo è stato il neo professore universitario Gino Paoli, testimonial e docente dell'iniziativa, che per la prima volta ha tenuto una lezione nel tempio della cultura genovese.
«C'è una crisi della musica - ha spiegato il cantante - sia sul piano commerciale, sia su quello della qualità. Colpa della televisione e di tanti programmi trash. A Sanremo una volta c’era il filtro degli editori. Si dovevano presentare i prodotti migliori per poi venderli. Adesso l'investimento è a breve e si deve presentare un prodotto finito, pronto per il mercato. Sanremo non è più il Festival della canzone italiana. La cultura musicale oggi viene massacrata in tante maniere. C'è il piccolo schermo, ma c'è pure Internet. Chi ha vinto uno degli ultimi dischi d'oro ha venduto 50mila copie di dischi. Quando lo avevo vinto io ne avevo venduto un milione e mezzo. Lascio a chiunque trarre le dovute conclusioni. Ormai non c’è più un prodotto disco, ma c’è un prodotto confezionato e impacchettato dalla e per la televisione. Si vende un'immagine. Si propongono veline. Il tranquillo panorama del mercato musicale di decine di anni fa è stato completamente stravolto».
Mica male come prima lezione universitaria. Anche perché il corso prevedeva, in un primo tempo, la collocazione proprio nella «culla della canzone italiana». Una sede ideale, che, tuttavia, è stata sostituita «per l'insediamento di una nuova giunta che ha determinato lo spostamento delle lezioni a Imperia».
«Nessuna polemica con Sanremo per carità - si è affrettato a precisare il direttore Eugenio Bonaccorsi - si è trattato soltanto di una questione di tempi e di logistica. Tutto qui. Il corso è stato finanziato con fondi europei, circa 100mila euro, ottenuti dalla Provincia di Imperia. Le lezioni si terranno anche in Alassio e in Genova sempre con la collaborazione del Dams imperiese».
Il post-laurea durerà 140 ore e si chiuderà a giugno 2011. Hanno chiesto di partecipare 53 studenti, ma ne sono stati selezionati 15. Alla fine chi passerà gli esami e gli stage sul campo, otterrà una qualifica per assistente presso le televisioni e le radio, agente intermediario fra artista e aziende di diffusione musicale, ideatore e manager di progetti musicali ex novo, gestore musicale presso discoteche.