Nasce l’Editoriale Sorriso Francescano

È un piccolo terremoto nell'asfittico panorama dell'editoria di Genova e della Liguria. De Ferrari editore, un marchio consolidato da oltre vent'anni di attività e un ricco e qualificato catalogo all'attivo, si allea con l'Azienda tipografica del Sorriso Francescano, nata nel solco della tradizione di solidarietà e riscatto dei giovani meno fortunati attraverso il lavoro e la formazione professionale della Fondazione Sorriso Francescano emanazione dell'Ordine dei Frati Cappuccini di Genova.
Da questo incontro è nata una nuova realtà imprenditoriale l'Editoriale Tipografica Sorriso Francescano che dal 1° luglio 2006 impiegherà venti dipendenti (tra tipografi, grafici, amministrativi e redattori) e si prefigge un fatturato, nel primo anno di attività, di 3 milioni di euro.
La vera e propria fusione delle due società è stata resa possibile anche grazie all'intesa e la sintonia personale fra Gianfranco De Ferrari, 68 anni, fondatore e «motore» della casa editrice e padre Giampiero Gambaro, 46 anni, il dinamico Cappuccino, presidente della Fondazione Sorriso Francescano.
«La nostra Fondazione - spiega padre Gambaro - è nata grazie all'opera di Padre Umile e del cardinale Siri e oggi, nelle sue tre sedi di Genova (Albaro e Coronata), La Spezia e Savona impegnata nell'assistenza dei minori e nel sostegno alle famiglie». «Da molto tempo - aggiunge De Ferrari - auspicavo possibili alleanze tra le aziende genovesi del settore per tentare di aumentare il proprio peso specifico e potersi meglio posizionare e contare anche sul mercato nazionale. Credo che questa sia una grande opportunità di sviluppo e anche un fatto importante per questa città dove la parola sinergia non ha mai trovato molto asilo, almeno nel nostro mondo».
Il progetto di sviluppo non è solo una buona intenzione ma già un ben preciso e finanziato programma di investimenti (1,5 milioni di euro) in nuovi macchinari che permetteranno alti standard di stampa sia nella qualità sia nei tempi e in grado di produrre realizzazioni tipografiche per conto terzi a prezzi competitivi. Per ospitare tutta la parte produttiva (amministrazione, tipografia e il reparto grafico - il più ricco presente oggi a Genova - composto da cinque giovani altamente specializzati) gli spazi della sede di via Trento saranno raddoppiati. Direzione editoriale, redazione e ufficio stampa resteranno invece nella sede attuale della De Ferrari in via D'Annunzio nello storico grattacielo Piacentini di piazza Dante.