Nasce su internet il primo ingorgo autostradale programmato

Dopo la battaglia dei
cuscini è questo il prossimo appuntamento lanciato via internet dalla community
Fuoridalcoro.
Il tam tam di e-mail e messaggi nei blog mira a riunire più automobilisti possibile in
corrispondenza dei varchi cruciali verso le località di vacanza. Per una decina di minuti creeranno un incolonnamento spontaneo, inventandosi come
rallentare le operazioni d’ingresso. Poi si disperderanno

Milano - Le ultime follie d'estate nascono e si sviluppano nella rete. L'ultima trovata è questa: creare un ingorgo al casello autostradale, ma nella direzione opposta a quella dell’esodo vacanziero in occasione del primo fine settimana d’agosto. Dopo la battaglia dei cuscini è questo il prossimo appuntamento lanciato via internet dalla community Fuoridalcoro. Il tam tam di e-mail e messaggi nei blog mira a riunire più automobilisti possibile in corrispondenza dei varchi cruciali verso le località di vacanza, probabilmente Melegnano e la stazione Ovest della Milano-Genova, ma in direzione Milano. Data e ora esatta saranno segreti fino all’ultimo anche per gli incursori (ma tra venerdì pomeriggio e sabato mattina), che per una decina di minuti creeranno un incolonnamento spontaneo, inventandosi come rallentare le operazioni d’ingresso. Poi si disperderanno, auto applaudendosi.

Così di solito succede nei cosiddetti "flash mob", gli assembramenti spontanei in cui i partecipanti all’improvviso inscenano qualche bizzarria, stupiscono i passanti e poi spariscono nel nulla. Il fenomeno, nato a New York come esperimento sociologico qualche anno fa, è una moda che ha già fatto il giro del mondo: si ricordano i pendolari londinesi che all’improvviso si sono messi a ballare, l’invasione nelle librerie di Roma, fino ai cinque minuti di battaglia con i cuscini, qualche tempo fa a Milano alle Colonne di San Lorenzo. Bizzarrie senza senso appunto, come il messaggio con cui si annuncia il raduno in autostrada: «Loro sono vittime dell’ingorgo, noi no!. Con il massimo orgoglio quando la miriade delle persone si lasciano incatenare dal traffico che porta verso le ferie, il week end o il ponte, noi puntiamo verso il casello libero».