Nascondeva marijuana in casa, in carcere il parrucchiere dei vip

Pettinava e truccava soubrette e personaggi del piccolo schermo, ma forse per C.M., un trentenne di Milano, il denaro guadagnato a suon di spazzola e forbici era troppo poco. Così aveva deciso di fare il «doppio lavoro». Sul suo balcone, infatti, la polizia ha trovato delle piantine di cannabis e, sotto il letto, un borsone con 20 chili di marijuana. Ancora sconosciuti i clienti dell'estetista, ma tra le forze dell'ordine sta prendendo piede l'ipotesi che molti di loro siano proprio presentatori e starlette. A portare la polizia di Sesto San Giovanni nell'appartamento del parrucchiere in via Adriano a Milano, la segnalazione di alcuni passanti che avevano notato le piantine sul balcone. Quando le forze dell'ordine si sono presentate alla porta di casa mostrandogli un mandato di perquisizione, il trentenne è quasi svenuto. Meno di una decina le piantine che l'uomo, quasi per vezzo, coltivava. Ma in camera da letto, in una capiente borsa da palestra blu, aveva nascosto 20 chili di marijuana, conservata sottovuoto. Sui pacchi sono state trovate strane sigle, indicanti probabilmente i Paesi di provenienza della droga. Le sostanze stupefacenti erano di tre qualità diverse ma con una percentuale molto alta di principio attivo, tanto che si stima che il parrucchiere avrebbe potuto arrivare a guadagnare oltre trentamila euro. Il trentenne è stato arrestato e condannato a 2 anni di detenzione e al pagamento di una multa di 9000 euro. Le indagini della polizia però proseguono. Gli agenti stanno cercando di capire come la droga arrivasse nelle mani di C.M. e quante persone del mondo dello spettacolo sono coinvolte.