Per Natale con Arbore a «Milano non fa freddo»

La notte del 21 dicembre grande concerto in piazza Due ore e mezzo di spettacolo gratuito e aperto a tutti

Il freddo pungente di Milano? Niente più che un luogo comune. Ci crede a tal punto Renzo Arbore a quell’assioma che è stato oggetto (e soggetto) del libro che scrisse Giuseppe Marotta nel 1947 che verrà a cantarlo proprio qui, nel bel mezzo di Milano. In piazza Duomo. A Milano non fa freddo è infatti il titolo del concerto che Renzo Arbore a capo della sua Orchestra Italiana terrà nella notte del 21 dicembre.
È un’iniziativa del Comune e di RadioRai per dare il via alle celebrazioni natalizie all’ombra della Madonnina. Un avvio “con i fiocchi” che proseguirà con altri pezzi da novanta, uno tra i quali, attesissimo, sarà Michael Bolton.
Quello di Arbore è un omaggio alla città che lo aveva accolto con grande calore già nel 1969 in occasione dello show per la tv Speciale per voi e che probabilmente sarà celebrato al meglio con la partecipazione di Enzo Jannacci, milanese doc, che «mi emoziona sentirlo cantare - ha sottolineato Arbore - al pari di Murolo. Vorrei fare insieme a lui un omaggio alla canzone milanese».
Il concerto sarà trasmesso anche il giorno di Natale alle ore 19.40 su RadioRai e su RaiSat Extra l’8 e l’11 gennaio alle ore 21, il concerto sarà dedicato «non solo ai meneghini - ha aggiunto Arbore - ma a tutti i meridionali che vivono da anni a Milano, dove mi sono esibito più spesso che in qualsiasi altra città d’Italia. Il fatto che da sempre Milano accolga tante etnie ne fa una città internazionale oltre che molto rispettosa della cultura. Non da ultimo a fare di me un milanese d’adozione sono stati i nove anni di fidanzamento con una attrice lombarda». Il titolo del concerto non è casuale quello scelto da Arbore per la sua tappa nel capoluogo lombardo. «È lo stesso titolo di un libro del 1947 di Giuseppe Marotta, intellettuale, scrittore e giornalista napoletano che ha dato alle stampe alcuni capolavori come L’oro di Napoli oppure Salute a voi, il volume che ha anticipato lo storico Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master. In A Milano non fa freddo Marotta elogia la città dove ha per anni vissuto partendo da aspetti che impropriamente vengono definiti “luoghi comuni”».
Milanese e napoletano d’adozione, Renzo Arbore è, a ragione, ritenuto un musicista internazionale. «Il grande merito di Arbore è quello di portare per il mondo la canzone napoletana, con il garbo e l’eleganza che lo contraddistinguono», ha sottolineato Marcello Del Bosco, direttore di RadioRai. «Il nostro è un modo di portare la radio in tv. Molto spesso - ha dichiarato Marco Giudici, direttore di RaiSat Extra - gli speciali in televisione vengono dedicati a grandi personaggi della musica riscuotendo sempre ottimi ascolti».