A Natale il cinepanettone vince anche se non convince i critici

Questa volta non c’è stata storia. Il classico derby natalizio degli incassi tra cinepanettoni e cartoon, che qualche sorpresa aveva regalato nel passato, si è chiuso, per questo 2009, con la netta vittoria dei primi, trascinati dagli euro di De Sica & soci e dal buon rendimento di Pieraccioni.
Hai voglia a stroncare, nel caso di Natale a Beverly Hills, un film che dimenticherete nello spazio di un mese, finendo per confonderlo con la lunga catena di titoli che, volenti o nolenti, hanno risollevato i botteghini italiani. Solite volgarità, soliti giochi di parole, solito canovaccio semplice semplice, solito Christian De Sica ma anche solite code per entrare in sala, soliti incassi fuori dalla portata della concorrenza, solita linfa per tutto il movimento.
Insomma, così è se vi pare. E segna un notevole passo indietro anche il Pieraccioni di Io & Marilyn soprattutto in paragone ai suoi ultimi godibili lavori. Si ride raramente, si guarda l’orologio, non si capisce il perché della presenza di certi personaggi; ma forse, si pretende anche troppo da questi titoli e si rispetta poco il gusto di un pubblico che, anno dopo anno, non li tradisce mai.
I più visti a Genova nell’ultima settimana:
1) Natale a Beverly Hills; 2) A Christmas Carol; 3) La principessa e il ranocchio; 4) Io & Marilyn; 5) Dorian Gray; 6) Cado dalle nubi; 7) A serious man; 8) New moon; 9) Il mio amico Eric; 10) La linea.