Di Natale e Pepe, soliti gemelli del gol

In attesa della Roma, di scena domenica al “Friuli”, l’Udinese alimenta i suoi sogni europei, inaugurando alla grande il proprio gironcino di coppa Uefa. I bianconeri insabbiano sotto gli occhi del ct Capello un Tottenham insapore, ultima ruota della Premier League, protagonista di un mercato esagerato (investimenti per 70milioni di euro), ma non ancora confortato dai risultati. L’equilibrio si spezza a causa di una “paperissima” di Gomes (ex Psv Eindhoven), ma mai gli ospiti danno la sensazione di poter risalire la china.
Friulani propositivi in avvio ma, al 15,’ c’è subito una buona chance per gli “Spurs”: Bent deposita però tra le braccia di Handanovic un pallone che avrebbe meritato miglior trattamento. Il portiere friulano è di nuovo impegnato al 19’ su conclusione di Lennon. La buona disposizione tattica degli “Spurs” salta improvvisamente al 24’: Gomes prova a gestire un retropassaggio, ma il piede prende la forma di un incudine e il portiere finisce per rovinare su Quagliarella. Impeccabile, dal dischetto, la trasformazione di Totò Di Natale, al suo quinto sigillo nelle coppe europee.
I londinesi provano a riorganizzarsi: Handanovic stavolta non è all’altezza, rivede i fantasmi di Lecce e smanaccia…l’aria, ma Genas spara alla luna. Nella ripresa Ramos gioca il jolly Modric, ma l’espulsione di O’Hara (doppio giallo in 60 secondi), complica di nuovo i piani degli ospiti. Che rischiano di incassare a stretto giro di posta la seconda rete: ma Gomes stavolta si oppone a Domizzi. Al 18’ Di Natale, servito da una sciabolata di Motta potrebbe chiudere il conto: la palombella però è soffice e Gomes si salva. In un Tottenham che sembra crederci, fa il suo ingresso pure Giovani Dos Santos ed è proprio l’ex Barcellona a secodellare un palloncino che Bent indirizza sotto la traversa. Magnifica è la risposta di Handanovic. Trascorre un solo minuto e Pepe, fresco entrato, finalizza con freddezza un vertiginoso contropiede.