Di Natale in gol ma Fabregas recupera

Finisce 1-1 l'esordio della Nazionale con la Spagna. Gli azzurri tengono testa ai campioni in carica e sfiorano l'impresa <strong>FOTO: <a href="/fotogallery/italia-spagna_volti_tifosi/id=4070-foto=1-slideshow=1?">I tifosi</a></strong>

Finisce 1-1 l'esordio della Nazionale italiana agli Europei di calcio 2012. Dopo il gol di Di Natale, gli azzurri si sono fatti rimontare dai campioni in carica della Spagna che sono andati a rete con gol di Fabregas.

Primo tempo equilibrato con occasioni da gol da entrambe le parti. Spagna compatta, ma Italia aggressiva, spesso in contropiede e in diverse occasioni pericolosa. Al 37' Mario Balottelli rimedia un cartellino giallo per gioco scorretto. Sul finale, Iniesta mette seriamente in difficoltà Buffon, ma sfiora la traversa.

Il secondo tempo si apre con un gol mangiato da Blspagnoli hanno la meglio tanto da portarsi troppe volte pericolosamente vicino alla porta azzurra. Al 52' Balottelli, solo davanti a Casillas, si fa riprendere da Sergio Ramos e viene sostituito da Di Natale. Passano pochi minuti e proprio Di Natale va a rete su assist di Pirlo. La festa però dura poco per l'Italia: la difesa azzurra si fa sorprendere e Fabregas segna. Dopo il gol la Spagna ritrova fiducia e aggressività, mentre gli azzurri hanno iniziato ad accusare la stanchezza. Brividi al 85' quando Torres ha clamorosamente mancato il gol con un pallonetto a porta vuota.

Sugli spalti c'era un tifoso d'eccezione: Giorgio Napolitano. Il Presidente della Repubblica ha trovato un significato sociale alla manifestazione: "La crisi economica e finanziaria è una cosa, e il calcio è un’altra: ma vincere incoraggia i Paesi nei momenti di difficoltà". Tribuna vip affollatissima. Insieme a Napolitano, a tifare Italia ci sarebbero anche il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, e quello dello Sport, Piero Gnudi.

Qualche tensione durante gli inni nazionali, ma mentre nello stadio di Danzica risuona l'Inno di Mameli, dalla curva dei tifosi iberici parte una bordata di fischi. Poco prima lo slogan era: "Cuatro ladrones, Italia cuatro ladrones". Nessuna replica da parte degli italiani quando parte l'inno spagnolo.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 10/06/2012 - 17:17

Pensa un pò che roba!Sugli spalti c'è Napolitano,e sul campo un sistema corrotto fra personaggi strapagati,per tirare calci ad un pallone....con costi,per la "spalmatura" di debiti,costi per danni,costi di ordine pubblico,etc.etc.pagati da "pantalone",ovvero da chi di questo "sport", non interessa un bel niente....

NOSFERATU

Dom, 10/06/2012 - 17:45

In questo momento, preoccupato di ben altro, non so neanche più se il calcio esiste ed in ogni caso non potrei permettermi di assistere in diretta ad una partita europea. Quanto a vincere contro la crisi, ci sto provando da un bel po', ma i mei avversari non sono calciatori e la partita non finisce al 90_imo: ormai sto perdendo per stanchezza. Ci sono 2 mondi troppo distanti in questa nostra nazione, SEMPRE PIU' DISTANTI. Vinca chi vuole, per me non cambia nulla.

Giacinto49

Dom, 10/06/2012 - 17:51

La crisi economica, come gli scandali del calcio, sono frutto della crisi di valori che stiamo vivendo e che purtroppo continuerà ad aggravarsi. Napolitano avrebbe fatto bene, quanto meno, a dissociarsi.

Ritratto di pulicit

pulicit

Dom, 10/06/2012 - 17:51

E bravo re Giorgio. Con tutto il seguito di cortigiani. Non poteva dare questi soldi all'Emilia? Ma quanto ci costi? Esatto sempre Pantalone paga. Regards

Ritratto di limick

limick

Dom, 10/06/2012 - 17:52

Gufo gufo gufo ...

PISTE46

Dom, 10/06/2012 - 17:58

Solo per curiosità, quanto CI costa questo viaggetto presidenziale ? Alcuni ex ministri furono inquisiti per essere andati a vedere il Gran Premio di Monza con un volo di stato; questo, che è andato in Polonia, dovrebbe essere direttamente incarcerato !

Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 10/06/2012 - 18:13

PERTINI aveva un'altra classe ...............

CiroBZ

Dom, 10/06/2012 - 18:22

E bravo il nostro residente che viaggia a nostre spese!! Sono proprio curisuso di quante persone è il suo seguito, tra guarie del copro,segretari, consiglieri, il dottore personale e ecc..ecc.. Buon viaggio di rientro........ Speriamo che dio ci aiuti

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Dom, 10/06/2012 - 18:25

Se c'è anche Napolitano....la sconfitta è quasi certa!Porta sfiga,mica è Pertini!! Ora è il calcio che dovrebbe salvarci dalla crisi!! Ma che aspettano a ricoverarlo in un manicomio,possibilmente meno costoso del Quirinale??

Lugar

Dom, 10/06/2012 - 18:33

Fossero solo gli spagnoli a maltrattarci, qui da noi siamo derisi e maltrattati anche dagli extracomunitari.

ferna

Dom, 10/06/2012 - 19:05

'' vincere incoraggia un Paese in crisi'' un commento di un presidente da paese da terzo mondo.....

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 10/06/2012 - 19:04

Che in una competizione sportiva gli avversari fischino l'inno degli altri, pur essendo un comportamento spregevole, è più o meno comprensibile. Ciò che invece è scandaloso che lo fischino gli "Italiani" ovvero i leghisti con cui il PdL si è coalizzato per molti anni. Andava detto per chi dimostra di avere la memoria corta come la Signora Gigante che non discerne i fatti.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Dom, 10/06/2012 - 19:08

ma tutti questi soloni allo stadio laggiù, avranno mica scambiato prandelli per bartali?

Malu_1

Dom, 10/06/2012 - 19:35

x #6 PISTE46 non certo quanto quanto ci sono costate le tro.. scusa gentil donzelle....che si portava in giro il diversamente alto nei viaggi "ufficiali"......

Ritratto di isladecoco

isladecoco

Dom, 10/06/2012 - 19:28

Una bella poltrona comoda davanti alla tv, no, vero, signor presidente? Tanto le Sue vacanze le paghiamo noi. Noi che le vacanze non possiamo permettercele.

giottin

Dom, 10/06/2012 - 19:31

Il re dei Borboni."vincere incoraggia contro la crisi", ma si può essere più deficiente????

bruno49

Dom, 10/06/2012 - 19:34

Ho sempre amato il calcio e l'ho praticato con passione. Ma ora è diventato un covo di malfattori che hanno stuprato i sacri princìpi dello sport. Pertanto spero che la nazionale faccia una pessima figura. Gli italiani si ubriacano con il calcio e dimenticano i gravissimi problemi che ci stanno mandando in malora. L'Italia andava benissimo sino all'inizio degli anni '80 (il rapporto deficit/PIL era in linea con quello della Germania e degli altri stati del nord Europa) Poi è venuta la politica corrotta di Craxi e dei suoi seguaci e il deficit è andato progressivamente aumentato. E' naturalmente solo una coincidenza, ma nel 1982 l'Italia vinse la Coppa Rimet.... Morale: rientriamo in noi e non ci alieniamo in uno sport ormai corrotto e in mano alle mafie (addirittura gli zingari ci fanno affari loschi)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/06/2012 - 19:52

Balotelli assolutamente non all' altezza. Non andava neppure convocato. Ma si sa....la sua convocazione obbedisce unicamente alle istanze della propaganda multirazzialista

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Dom, 10/06/2012 - 20:06

Ottimo commento Zagovian (#1). Cosa ci faceva Re Giorgio a Danzica? Volo di stato, con tutto il seguito, e a spese del Bel Paese che fa i sacrifici. E si tratta solo della prima partita dell'Italia, capirei si trattasse della finale. Cos'intende fare Re Giorgio, seguire ogni partita del team nazionale? E noi qui a pagare l'IMU? E no, non ci stiamo, questa volta Napolitano ha passato il segno. A noi stringere la cinghia, mentre le banche si rimpinguano dei soldi della BCE e lui, il presidente delle banche, se ne sta in Polonia a fare il tifo a nostre spese. Sollevazione nazionale, basta sprechi e privilegi da parte della Casta!

WSINGSING

Dom, 10/06/2012 - 20:19

Vincere aiuta la crisi? Teoria propria di un Presidente arrivato agli sgoccioli.

Rico74

Dom, 10/06/2012 - 20:24

L´Italjuve intanto ha tenuto alla faccia dei gufi che ci tifavano contro.La Spagna e´piu´squadra e lo ha dimostrato,ma noi non abbiamo certo sfigurato.Se il bamboccio davanti si dava una sveglia invece di farsi ammonire potevamo anche portare a casa il risultato.Un pareggio alla fine giusto ma che lascia l´amaro in bocca.Se miglioriamo un attimo nei fraseggi penso che qualche chance l´abbiamo. FORZA AZZURRI. Ps. BASTA CRITICARE. LA NAZIONALE SI AMA SENZA SE E SENZA MA!!!!!

giottin

Dom, 10/06/2012 - 20:44

"Vincere incoraggia i paesi in crisi": bisogna proprio essere re dei Borboni per sparare simili demenzialità. Possibile non ci sia una camicia di forza da mettere a simili deficienti?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 10/06/2012 - 21:13

"Vincere incoraggia contro la crisi". Grazie Presidente, lei è un genio.

Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 10/06/2012 - 21:31

frega ZERO domani dovrò lavorare come tutti i lunedì ...........

Ritratto di limick

limick

Dom, 10/06/2012 - 22:01

#18 Ausonio (2000) - lettore sono perfettamente d'accordo. Balotelli e' un mediocre e ignorante uomo che se fosse bianco calcherebbe i campi di serie C ma e' il simbolo dell'integrazione sbagliata e forzata che ci vogliono inculcare, anche di fronte alla realta' che parla chiaro, un brocco incavolato col mondo e pieno di se stesso come neanche Berlusconi.. e Napolitano cosa dire? Vincere aiuta i paesi in crisi??? Spiegategli che e' un pareggio...

Ritratto di limick

limick

Dom, 10/06/2012 - 21:59

#21 Rico74 (535) - lettore io la Nazionale la odio senza se e senza ma... se poi ci sono degli indagati, tra l'altro juventini ancora peggio! Una banda di mangiapane a tradimento al pari dei politici. Stessa storia.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 10/06/2012 - 22:41

Vediamo se oltre la fortuna saranno capaci di andare avanti per merito. PER carita mandate via quéll omologo di Pertini, Con Sandro siamo diventati campioni ma questo porta sfi.ga. MEGLIO se ritorna a casa , la scusa per scroccare gratis qualcosa e sempre buona.

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 10/06/2012 - 23:31

#12 pipporm....Tutta colpa di Berlusconi, ovvio. Anche quando chi portava la Bandiera Tricolore era tacciato di essere fascista e, regolarmente, picchiato dagli squadristi del servizio d'ordine del pci di berlunguer....Komunisti si nasce e non si può guarire...E' una malattia di dentro, che non lascia scampo: unica liberazione, la morte....E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 10/06/2012 - 23:34

#14 Malu_1 ...E' scemo?? Il Presidente Berlusconi, quella volta, viaggiava su un suo aereo . Solo il volo era, ovviamente, dichiarato di Stato..Per motivi di sicurezza, idiota, non di cresta,come invece è abituato il suo presidente della NOSTRA REPUBBLICA. Torni alla bocciofila, cialtrone, a ingozzarsi di salamelle e birra con i suoi consimili....E.A.

morganaflo

Lun, 11/06/2012 - 01:09

Le parole di colui che ha la sua reggia al Quirinale destano ripugnanza: ci considera plebaglia a cui elargire giochi circensi.

cicero08

Lun, 11/06/2012 - 08:53

La gara di ieri ha dimostrato che il livello tecnico del nostro calcio è sicuramente superiore a quello di coloro che lo rappresentano a livello istituzionale e politico. Ieri abbiamo visto insieme Petrucci ed Abete presenziare all'avvenimento in casa di coloro che, senza arte nè parte, ci avevano soffiato l'organizzazione della manifestazione continentale. Chissà se avranno avuto modo di fare qualche riflessione sull'affaire Moratti/Tavaroli/Telecom chenon può essere oscurato ne dal calcio giocato dalla nazionale, ne da scommessopoli. Induttivamente si rileva, infatti, che quello che si è voluto affermare con le decisioni su calciopoli non è fondato su verità assolute.