Di Natale salva l’Udinese Il Treviso si sente derubato

Roberto Zanitti

da Udine

Derby triveneto senza vinti né vincitori ma, di fronte ad un'Udinese spolpata di mezza rosa è il Treviso ad avere mille ragioni per urlare la propria rabbia. Primo brivido dopo 5': Guigou mette Borriello davanti a De Sanctis, ma l'attaccante si autosbilancia. Ancora Borriello tiene alta l'attenzione di De Sanctis, il quale non ha però fastidi a neutralizzare il rasoterra. Il calcio si conferma materia imprevedibile ed è l'Udinese a passare: cross di Barreto, paperissima di Guigou e Motta non manca all'appuntamento con il primo gol in serie A. Niente da fare, però, per il portiere friulano sulla punizione che Pinga, al 32', incastona all'incrocio. Il Treviso ci crede e, complice una dormitona della retroguardia friulana, Dallafiore infila un comodo 2-1. Solo un regalo di Pantana permette ai friulani di rimediare: il rigore procurato da Di Natale è inventato. Poi De Sanctis dice no a Borriello e Guigou colpisce la traversa su punizione.