Il Natale di SuperParanocchia spietato cabaret della solitudine

Il palco del Pim Spazio Scenico ospita «The Too Much Coffee»

Una società chiassosa e frastornata dai festeggiamenti. Un uomo qualunque incapace di affrontare la vita, solo in mezzo alla folla inutile. Che Natale può passare un emarginato da tutto e da tutti soffocato da un ambiente che non lo riconosce? Solo con la sua bambola gonfiabile, l'unica compagna, tra l'altro dallo spirito decisamente punk, che lo ascolta.
Ecco il supereroe di inizio millennio che animerà il 22 e il 23 dicembre il palco del Pim Spazio Scenico di via Tertulliano. Niente Babbo Natale o favole a lieto fine quindi, ma un imbarazzante personaggio da fumetto, SuperParanocchia in The Too Much Coffee Show, che ci narra il suo tragicomico Natale.
«Il Natale di SuperParanocchia - racconta il protagonista Edoardo Favetti - trascorre tra miseri tentativi di riallacciare rapporti con ex amanti, telefonate alla mamma, litri e litri di caffè, ricordi di incontri amorosi falliti e considerazioni sulla vita senza arrivare a capo di nulla… e intanto il Natale si avvicina e gli unici suoi punti fissi rimangono il caffè e le sigarette».
Liberamente ispirato al fumetto Too much coffee man di Wheller lo spettacolo mantiene nella realizzazione scenica lo stile dei comics americani.
«Con questo spettacolo il regista Fulvio Vanacore - continua Favetti - prosegue il suo percorso legato ad un teatro di figura, sottolineato da toni grotteschi e caratterizzato da personaggi caricaturali e inverosimili. Partito da una versione noir de La Bancarotta di Carlo Goldoni, ha continuato la sua ricerca con Nonentity, l'esteta del massacro, per approdare ora ad una descrizione spietata e nel contempo esilarante del Natale di un uomo qualunque».
«Uno spietato cabaret della solitudine - precisano le note di regia -, che racconta con sadomasochistica partecipazione le minimali avventure di un eroe il cui unico potere è amplificare le proprie paranoie cercando inutilmente di annegarle con caffè e sigarette: cinico, terrorizzato, inetto, rabbioso e disperatamente bisognoso d'amore».
Dietro il fumetto, dietro la comicità, il tono drammatico, forse la triste verità di una condizione umana molto diffusa.
«Non si tratta di un cabaret ma di uno spettacolo comico proprio per il suo risvolto drammatico», chiosa Favetti. Del resto SuperParanocchia non si allontana poi molto da tanti personaggi che animano la nostra società. E, proprio a Natale dove domina il buonismo, questo supereroe saprà far divertire e anche un po’ riflettere.
The Too Much Coffee Show, PIM Spazio Scenico, via Tertulliano 68, dal 22 al 23, info 02-55196240, ingresso 12 e 7 euro