La Nato chiede rinforzi, l’Italia risponde no

La Nato vuole i cacciabombardieri italiani. Più uomini e soprattutto più mezzi. Lo chiede il segretario generale della Nato, l’olandese Jaap de Hoop Scheffer. Dal ministero della Difesa si fa trapelare che «per il momento l'impegno dell'Italia in Afghanistan non cambia», praticamente un no alla richiesta. Difficoltà e tensioni con gli Usa sul fronte iracheno. Dal governo arriva una risposta piccata a Barbara Stephenson che chiedeva di evitare un totale disimpegno e di lasciare una presenza civile per la ricostruzione.