Nato, veto russo su Kiev Bush sta con l'Ucraina

Da Mosca il veto sull'adesione dei due Stati ex Urss all'Allenza Atlantica: "A rischio la sicurezza europea"

Kiev - La Russia non avrà diritto di veto sull’adesione di repubbliche ex sovietiche alla Nato, nella fattispecie su Ucraina e Georgia, avverte il presidente Usa George W. Bush da Kiev, a conclusione del suo incontro con il collega ucraino Viktor Yushchenko e alla vigilia del vertice dell’Alleanza a Bucarest, dove le due repubbliche ex sovietiche sperano di essere invitate al programma di pre-adesione Membership Action Plan. Gli Stati Uniti "appoggiano con forza" le aspirazioni dell’Ucraina e della Georgia di adesione alla Nato, ha dichiarato il presidente Bush. Il capo della missione americana ha aggiunto che gli Usa daranno garantiranno "tutto l’aiuto possibile" per l’integrazione dei due Paesi ex sovietici nell’Alleanza atlantica malgrado la forte opposizione della Russia. "La Russia non porrà alcun veto su quello che accadrà a Bucarest - ha detto Bush. L’Ucraina sta cercando di rafforzare la sua collaborazione con l’Alleanza Atlantica attraverso un piano di ammissione: Kiev ha preso una decisione coraggiosa e gli Stati Uniti sostengono con forza la richiesta". E la Russia, ha aggiunto Bush, "non dovrebbe temere l’ammissione".

Il no russo Oggi da Mosca è giunto un altro monito: un eventuale ingresso dell’Ucraina nella Nato provocherebbe una "profonda crisi nelle relazioni russo-ucraine e avrebbe conseguenze sulla sicurezza europea" ha detto il viceministro degli Esteri russo Grigory Karassin.