La natura «matrigna» di Massimo Dalla Pola

Allegra Ravizza Art Project di via Gorani 8 chiude la stagione espositiva con «Mass! The house of the bad plants», un progetto di Massimo Dalla Pola. Viene proposto un closing day, oggi alle 19, in cui come in un opening al contrario verrà inaugurata la mostra che chiuderà il giorno dopo e che potrà essere visitata solo dall'esterno per tutto il mese di agosto. L'operare artistico di Massimo Dalla Pola, classe 1971, prende le mosse da una visione critica del rapporto che si è instaurato tra uomo e natura. La ricerca affannosa e, in un certo modo, forzata di comunione e di armonia con la natura viene qui ribaltata e, anzi, viene sottolineato come quest'ultima può essere subdola e pericolosa. Come in un erbario medievale, «Mass!» mette in mostra alcune piante velenose, essenze rintracciabili nei nostri giardini, presenze vicine e in apparenza consolatorie. Ricorda dunque la natura matrigna di Leopardi, a cui l'artista rende omaggio con una ginestra: una natura velenosa che, sotto un sembiante incantevole, nasconde un sottile pericolo per l'uomo che non ne ha coscienza o che non ricorda. Il materiale utilizzato e la scelta dell'installazione non fanno altro che sottolineare questo concetto di fondo.