Naufraga la scuola di Prodi

Povero Professore, neanche a casa sua gli danno più credito. O, almeno, quello che gli danno è davvero poco. Duecentocinquantamila euro: tanto ha raccolto - riporta Il Giorno - la «Fondazione per la collaborazione tra i popoli», fondata un anno fa da Romano Prodi. Troppo pochi. E così l’ex leader dell’Ulivo ha dovuto rinunciare al progetto di aprire una specifica scuola di formazione, con metà di studenti di origine africana. È stato lo stesso Prodi ad ammettere il fallimento del progetto, nella conferenza per fare il punto sul primo anno e mezzo di attività della Fondazione: «Inutile creare aspettative o fare le nozze coi fichi secchi - ha commentato -, sono cose che si fanno quando si hanno le risorse e quando si ha dietro un Paese che vuole dedicare mezzi a queste cose». Partita con una «dotazione molto modesta», la Fondazione prodiana di Bologna ha raccolto «250-300 mila euro». «D’altra parte l’Italia è fatta così - ha concluso - già per raccogliere queste risorse è stato fatto un lavoro faticoso, veramente enorme».