La nautica aggancia le filiere del lusso

Debutta a Miami il "Nautical design award". Luisa Bocchietto (Associazione per il disegno industriale): "Questo premio nasce per favorire l’integrazione
tra designer, aziende del settore del mobile e costruttori di yacht e per celebrare la peculiarità del made in Italy"
<br />

La nautica italiana punta a consolidare e ad allargare quel progetto di percorso viaggiando di conserva con gli altri settori dell’eccellenza made in Italy. E la nuova strada, tracciata con determinazione e convinzione dai vertici di Confindustria Nautica, sembra già incassare i primi successi. Il Miami International Boat Show, in programma dal 17 al 21 febbraio, si appresta infatti a ospitare la prima edizione del «Nautical Design Award», il premio all’eccellenza italiana nel mondo della nautica, organizzato in partnership da Yacht & Sail e Adi, (l’Associazione per il Disegno Industriale che deve la sua notorietà soprattutto al Premio Compasso d’Oro, il più antico e autorevole riconoscimento mondiale nel campo del design). In questo contesto la giuria del «Nautical Design Award», presieduta da Luisa Bocchietto, presidente dell’l’Associazione per il Disegno Industriale, e composta da varie personalità della nautica italiana tra cui il presidente di Ucina-Confindustria nautica, Anton Francesco Albertoni, assegnerà un riconoscimento alla cantieristica italiana che meglio si è distinta per la promozione del made in Italy negli Stati Uniti d’America. «Nel mondo del design - dice Luisa Bocchietto - la nostra associazione rappresenta una garanzia di selezione e di promozione dell’eccellenza. Il nostro osservatorio permanente, che raccoglie esperti, critici e giornalisti distribuiti su tutto il territorio e coordinati in commissioni trasversali, esamina ogni anno 2mila prodotti e ne seleziona circa 150 per la pubblicazione. Ecco perché siamo stati individuati come partner in questa iniziativa che istituisce un riconoscimento, espressione della qualità del settore». Secondo Luisa Bocchietto esistono diverse interazioni tra le due filiere produttive: «Sempre più spesso - aggiunge - designer e aziende tradizionalmente impegnati nel settore del mobile si esprimono in progetti per la realizzazione di imbarcazioni e il “Nautical Design Award” nasce anche per favorire l’integrazione di questi settori. La raffinatezza del mobile italiano e dei suoi componenti si integra bene con lo studio delle linee esterne e con la tecnologia applicata nei cantieri, per celebrare sempre al meglio la peculiarità del made in Italy». Nella valutazione dei progetti si è cercato di evidenziare le qualità costruttive più innovative in termini di produzione industriale. I criteri di lettura sono gli aspetti funzionali e formali, il contenimento dei costi nella produzione e la riduzione dei consumi ove possibile. Ma anche la ricerca della vivibilità degli spazi, della trasparenza e della interazione con l’esterno. Tuttavia la testimonianza fattiva della nascita di un processo di interazione tra nautica da diporto e design si era già riscontrata quando il colosso Azimut Benetti era stato inserito con il suo “Azimut 103S” tra i finalisti dell’edizione 2008 del premio Compasso d’Oro. E, più di recente, non mancano i segnali della progressiva apertura del mondo della nautica verso le altre filiere del lusso. Al Boot di Düsseldorf, infatti, ha debuttato un nuovo spazio espositivo Ucina - una vera e propria collettiva di 40 aziende - concepito per valorizzare le componenti di stile e design che rappresentano un ulteriore valore aggiunto per il prodotto nautico italiano e confermato dalla presenza di aziende come Artemide e Living che hanno esposto prodotti legati al mondo della nautica. Un esempio su tutti è quello della lampada Aqua Cil, progettata dal famoso designer Ross Lovegrove per Artemide, caratterizzata da linee mosse che oltre a smaterializzare la fisicità dell’oggetto rappresentano un’analogia con le onde del mare. La nuova ambientazione proposta da Ucina-Confindustria Nautica al Salone internazionale tedesco - punto di riferimento del mercato del Nord Europa - sarà presente anche al Miami International Boat Show, consacrandosi così simbolo di una strategia mirata a valorizzare il co-branding con altre aziende italiane del lusso. I progetti che si aggiudicheranno la prima edizione del «Nautical Design Award» verranno infatti esposti all’interno dello stand Ucina, che si farà ancora una volta promotore delle migliori espressioni dell’Italian Style.