La nautica mondiale è di scena a Genova fino al 14 ottobre

Genova - Gli amanti del mare hanno l'occasione di conoscere le principali novità della nautica al Salone internazionale di Genova. Un appuntamento imperdibile con migliaia di imbarcazioni nuove tutte da scoprire. Ma non si tratta solo di "regine del mare" o lussuosi superyacht. Basti pensare, infatti, che il 60% delle barche in esposizione è rappresentato da natanti, vale a dire scafi fino a 10 metri. Perché l'amore per il mare e le barche non si misura solo con il metro e il portafoglio. Anche se, è inutile nasconderlo, quello della nautica è un settore che, nel 2006, ha dato un forte contributo al Pil nazionale, con 4,9 miliardi di euro.

I numeri del Salone Gli espositori sono 1.500 di cui il 37% stranieri, su una superficie complessiva lorda di 300mila mq, di cui 100.000 in acqua. Le barche in esposizione sono 2.300 di cui 426 novità (273 a motore, 79 gommoni, 56 a vela, 30 varie), altro dato molto significativo che conferma come le aziende continuino a scegliere il Salone Nautico di Genova come sede privilegiata per presentare alla clientela le proprie anteprime. Numerosa la presenza di imbarcazioni di grandi dimensioni: sono 90 le navi da diporto (oltre i 24 metri di lunghezza); all’interno di questo nutrito gruppo di “signore del mare” troviamo 43 superyacht (scafi oltre i 30 metri).

Le "regine" di quest'anno Regine di quest’anno il “Santa Maria” di Perini Navi, un ketch di 56 metri che dispiega una superficie velica di ben 1.500mq, e il Mangusta 165 Open di Overmarine, la più grande unità open di serie esistente al mondo. Le ammiraglie saranno ormeggiate sul pontile d’onore, la nuova realizzazione che consente al pubblico del Salone di coprire tutti i percorsi sul Mare senza soluzione di continuità. In totale le barche esposte in acqua sono 530, un numero record (l’anno scorso erano 430): lo spettacolo delle barche ormeggiate nelle due marine sarà anche quest’anno una delle attrazioni principali per i visitatori e rende il Salone di Genova un “floating show” di straordinario fascino. Il totale di banchine e pontili è di 27 per un’estensione di 3,1 km di accosti.

Fino a dieci metri il 60% delle barche Il Salone si rivolge a tutti gli appassionati di barche: il 60% delle barche in esposizione è infatti rappresentato da natanti, vale a dire scafi fino a 10 metri; il 36% sono imbarcazioni superiori ai 10 metri, il 4% navi da diporto superiori a 24 metri. Segnali positivi vengono dalla vela, in forte crescita: le barche a vela salgono da 170 a 228 (152 in acqua).

Cresce il contributo della nautica al Pil Il contributo della nautica al Pil nazionale, è stato calcolato utilizzando le matrici input-output e risulta per il 2006 pari a 4,9 miliardi di euro rispetto ai 3 miliardi del 2005 (anche se il dato non è perfettamente confrontabile a causa del diverso metodo di calcolo). Per quanto riguarda il livello occupazionale degli addetti del settore della nautica da diporto, l’indagine svolta da Ucina per il 2006 ha censito per le aziende della nautica sia gli addetti diretti sia gli indiretti che lavorano in maniera prevalente per una azienda, stimando in circa 34 mila 500 unità l’occupazione dell’industria nautica.

Italia buona esportatrice di imbarcazioni L’Italia si riconferma buona esportatrice di imbarcazioni per la nautica da diporto, vendendo all’estero il 59% del valore della produzione, di cui poco più della metà verso i paesi Ue. Riguardo il leasing nautico, sulla base dei dati forniti da Assilea, nel 2006 le operazioni concluse hanno raggiunto il valore, in termini assoluti di 2.096 milioni di euro (erano 1.568 milioni nel 2005), che in termini percentuali rappresentano un aumento del 33,6% rispetto all’anno precedente. I contratti stipulati nel 2006 sono stati 4.157 con una crescita del 22%. Si evidenzia perciò una generale tendenza all’incremento del ricorso al leasing, che grazie al suo successo viene scelto anche da compratori stranieri. Per ciò che concerne il settore dei superyacht - sulla base di una ricerca pubblicata dalla rivista Showboats - l’andamento degli ordini 2006-2007, fa registrare una notevole crescita del numero delle ordinazioni, a livello mondiale si è infatti passati da 688 commesse per il 2006 a 777 per il 2007. La presenza italiana sul mercato mondiale della produzione di superyacht si attesta attorno al 45%.

Ospiti Capirossi, Sensini, Pellizzari e Genoni Fra gli ospiti attesi nella prima giornata segnaliamo Loris Capirossi, in visita a un cantiere, la campionessa della vela olimpica italiana Alessandra Sensini nello stand della Federazione Italiana Vela, e gli apneisti Umberto Pelizzari e Gianluca Genoni, quest’ultimo reduce dall’ennesimo record di immersione, questa volta effettuato in notturna.

Orari e biglietti d'ingresso Il Salone sarà aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18.30. Il biglietto d’ingresso costa 13 euro. E’ possibile acquistare i biglietti on-line sul sito www.salonenautico-online.it. Ingresso gratuito per i bambini fino a 6 anni. Le comitive composte da un numero minimo di 30 persone possono acquistare al momento dell’ingresso il biglietto a prezzo ridotto.

Gli ingressi al Salone Tre sono gli ingressi previsti: dal portale di Levante di piazzale Kennedy, dalle Riparazioni Navali e dalla banchina riservata ai battelli provenienti dal Porto Antico, dalla Stazione Marittima, da Marina Aeroporto e dal Molo Archetti di Pegli. E’ consentito l’ingresso ai cani, a guinzaglio e provvisti di museruola. Anche se il consiglio degli organizzatori resta quello di servirsi prevalentemente dei trasporti pubblici – treni, bus, taxi e battelli - nelle aree limitrofe al quartiere fieristico sono disponibili e individuabili con una segnaletica ad hoc 6 mila posti auto.

Programma e informazioni Il programma dettagliato delle iniziative collaterali è consultabile sui siti www.salonenauticogenova.it e www.salonenautico-online.it.