Il Nautico compie 180 anni e rinasce

Il San Giorgio sbarca sul mare con posto barca, laboratori, palestra e stazione meteo

Il San Giorgio fu fondato 180 anni fa, con regia patente di Carlo Felice nel 1827, e per festeggiare l'evento la Provincia di Genova inaugura domani la nuova sede sul mare, alla Darsena, dell'istituto nautico che ha fornito migliaia di ufficiali alla marineria italiana e di tutto il mondo. Ieri mattina il presidente Alessandro Repetto e l'assessore all'Istruzione Eugenio Massolo hanno presentato il programma della giornata che comincia alle 10,30 con l'arrivo delle autorità e continua fino a sera con lo spettacolo di Tonino Conte e Sergio Maifredi intitolato «Ogni uomo è marinaio».
La nuova sede dell'istituto nautico occupa l'antico emporio di calata Darsena nel porto antico e si inserisce, a filo di mare, nel sistema di edifici, banchine, percorsi, vicino al museo Galata. Ci sono anche i posti barca destinati all'istruzione dei giovani. Un vantaggio per Genova che secondo i progetti della Provincia potrebbe istituire pure una scuola velica nei mesi estivi sullo stile di quella della Maddalena. Il nuovo istituto potrà ospitare circa ottocento allievi, il dodici per cento sono femmine, e diventerà il polo nautico del nord ovest sia per la formazione di ufficiali di coperta e di macchina, sia per costruttori navali e di cantieristica.
L'edificio è costituito da due volumi affiancati e paralleli lunghi un centinaio di metri e la struttura è simile a quella dei Magazzini del Cotone, per un totale di 25840 metri cubi, articolato in tre piani con 23 aule didattiche e otto laboratori. Al piano terreno si trova una palestra di 622 metri quadrati mentre al secondo piano sono stati collocati l'auditorium e il planetario. Strutture che potranno servire non soltanto agli studenti, ma anche agli abitanti del quartiere.
Nello spazio sotto la copertura è ospitata una stazione meteorologica e una stazione di monitoraggio della qualità dell'aria. Nell'adiacente specchio acqueo ci sono i posti barca e i natanti destinati alla didattica scolastica.