Nautilia, il «dopo Genova» dove il business è l’usato

Anno dopo anno, il Nautilia di Aprilia Marittima si è guadagnato un ruolo sempre più importante nel panorama delle rassegne nautiche italiane. Merito senza dubbio delle scelte vincenti fatte dall’organizzatore (Ente Fiera Cantieri di Aprilia) a partire dalla collocazione temporale: anche la prossima edizione (25 ottobre-2 novembre) sarà, infatti, il primo appuntamento post Genova. La presenza massiccia di imbarcazioni usate è stata l’arma vincente di Nautilia: al di là della richiesta sempre elevata di questa tipologia, è evidente che - soprattutto in un momento come questo - la vendita di nuovi modelli passa solo attraverso la cosiddetta permuta.
Ecco perché, spiega Eugenio Toso, presidente di Nautilia, «il nostro Salone che non è in competizione con quelli tradizionali, è diventato un momento importante sia per i cantieri sia per chi opta per l’usato, sostanzialmente per ragioni economiche». La terza scelta, se vogliamo, è stata quella di puntare non tanto su un numero elevato di visitatori, ma sulla qualità degli stessi e degli espositori che sono i migliori broker dell’Alto Adriatico. La peculiarità di Nautilia: barche solo a terra, su pontili fissi, per agevolare la visita. «Ma soprattutto - dice Stefano Rettondini, vicepresidente della rassegna - solo così si ha la possibilità di far vedere tutto il modello, scoprendo il reale stato dello scafo. Ecco perché Nautilia è un land boat show che non ha eguali in Europa».
Tra i marchi degli usati più significativi che saranno presenti su 50mila metri quadrati dell’area espositiva vanno ricordati - per le barche a motore - Ferretti, Azimut, Luxury Yachts, Fairline, San Lorenzo, Pershing, Absolute, Princess, Cranchi, Aprea Mare, Dalla Pietà, Sunseeker, mentre l’offerta velica annovera marchi quali Cantieri del Pardo, Hanse, Elan, Bavaria, Comar, Jeanneau, Hallberg-Rassy.
Non mancherà, infine, la «piccola nautica» con barche carrellate, tra i 4 e i 7 metri. Stand di agenzie nautiche e assicurative, charter e scuole nautiche, case di abbigliamento e produttori di accessori, completano la rassegna. Per chi voglia curiosare, prima o durante la manifestazione, tra tutte le occasioni, ci sono due siti web: www.nautilia.org e www.nautilia.com. Anche questo fa la differenza tra Nautilia e altri Saloni che propongono l’usato.