La Navebus rimane sulla cresta con tariffe agevolate per i residenti

Una buona notizia per i pendolari che dal Ponente si muovono verso il centro ma anche per tutti gli amanti della «navigazione cittadina» e per i turisti di passaggio in città. Nonostante le ventilate ipotesi di chiusura, anche temporanea, la Navebus continuerà a collegare via mare Pegli con il Porto Antico di Genova. Completamente rinnovate le modalità di utilizzo del servizio, diventato un fiore all’occhiello di Amt, molto apprezzato dai genovesi e anche da chi arriva da fuori, che può godersi il colpo d’occhio di Genova vista dal mare. La novità principale riguarda proprio la distinzione in termini di tariffa tra residenti nel comune di Genova e turisti. I genovesi potranno acquistare sulla nave il biglietto al prezzo di 1,50 euro per una corsa in cui rientrano anche 60 minuti di utilizzo sulla rete urbana ordinaria di Amt. Sarà sufficiente presentare al personale di bordo un documento d’identità che ne attesti la residenza nel comune di Genova. Nessuna variazione anche per gli abbonati Amt, che potranno utilizzare liberamente la Navebus.
Nuove tariffe invece saranno in vigore per i turisti o i non residenti per cui il biglietto, sempre acquistabile unicamente a bordo della Navebus, costerà 3 euro a corsa, che diventano 2,50 per comitive composte da almeno 30 persone. Non saranno più validi i biglietti da 24 ore.
Per quanto riguardo gli orari, saranno organizzati in tre diverse fasi a seconda della stagione, con la massima frequenza di corse prevista nel periodo estivo. Da lunedì 9 gennaio fino al 29 febbraio (così come dall’1 novembre al 31 dicembre prossimi), quattro partenze previste dal Porto Antico (alle 7.40, 14.15, 17.20, 18.40) ed altrettante da Pegli (alle 7.05, 8.15, 15, 18), con l’eccezione del sabato e dei festivi in cui sono previste due corse (14 e 15.30 dal Porto Antico, 13.20 e 14.40 da Pegli).