Navi tedesche con i cannoni di Oto Melara

da Milano

Le nuove fregate F125 della Marina tedesca saranno armate con cannoni italiani, realizzati da Oto Melara, società di Finmeccanica. Si tratta di due distinte commesse, per un valore complessivo di 80 milioni. La prima è relativa a 5 grandi cannoni da 127 mm, che costituiranno il sistema d’artiglieria principale delle navi, la seconda riguarda 25 torrette con mitragliatrici da 12,7 mm, impiegate per l’autodifesa della nave contro barchini veloci. Ciascuna delle quattro navi in programma avrà un cannone da 127 e 5 mitragliatrici. Le altre armi saranno installate a terra. È poi possibile che la Marina tedesca ordini ulteriori cannoni da 127, sia per equipaggiare altre fregate F125 (il requisito complessivo è di 8 navi), sia per aggiornare le precedenti F124, che al momento montano un cannone più piccolo, sempre Oto Melara, da 76 mm.
Il successo conquistato in Germania è particolarmente importante perché ottenuto battendo la concorrenza «casalinga» della Rheinmetall, che aveva proposto un cannone da 155 mm ed ha già venduto un’arma da 27 mm alla Marina tedesca. L'eccellenza delle armi italiane ha fatto pendere la bilancia in favore della proposta Oto Melara, che ha la leadership mondiale nel campo delle artiglierie navali.
Lo conferma lo sviluppo del sistema «Vulcano», anche questo selezionato dalla Marina tedesca, così come in precedenza da quella olandese e da quella italiana, grazie al quale il cannone navale da 127 mm è in grado di sparare i suoi proiettili al ritmo di 35 colpi al minuto fino ad una distanza di oltre 100 chilometri, colpendo con grande precisione grazie al sistema di guida. Neanche gli Usa hanno un prodotto altrettanto efficace. Ecco perché il cannone navale da 127 mm può ottenere un grande successo internazionale.