Nazionale: brivido Toni, speranza Nesta

Avrà sudato freddo Roberto Donadoni, ieri pomeriggio: il bomber azzurro Luca Toni si è fermato poco dopo aver segnato il terzo gol in tre partite con la maglia del Bayern Monaco. Una fitta alla coscia destra mentre il pallone s’infilava in rete, quindi l’immediata uscita dal campo, dopo appena mezz’ora di gioco (il Bayern ha chiuso la partita con un 3-0 finale).
Le spie rosse della nazionale si sono subito accese. Qualche ora dopo però, l’allarme è rientrato: lo staff medico dei bavaresi ha rassicurato tifosi tedeschi e italiani, spiegando che non c’è stata nessuna lesione muscolare: «Contiamo di recuperarlo in settimana e di averlo a disposizione già per il prossimo turno (Amburgo-Bayern, domenica prossima, ultima giornata prima della pausa per la nazionale, ndr)».
Sospiro di liberazione per il ct Donadoni. Anche se per la Francia, dovrà comunque fare i conti con l’assenza di Materazzi e guardarsi dagli acciacchi di Cannavaro. Ma da Milanello arriva uno spiraglio di luce: «Il ritorno di Nesta in nazionale? Difficile, ma non impossibile» ha dichiarato Ancelotti, che ha aggiunto: «È una questione delicata, che riguarda solo il giocatore, la Figc e Donadoni».