’Ndrangheta, tra i 5 arrestati anche il direttore dell’hotel Brun

C’è l’imprenditore che finanzia la cosca, con mutui e iniezioni di denaro fresco. C’è il direttore di un lussuoso albergo - il Grand Hotel Brun, quello che un tempo accoglieva le sessioni di calciomercato - che ospita gli uomini vicini al clan e li avverte quando c’è puzza di «sbirri». Ci sono tre finanzieri a libro paga dei malavitosi, corrotti per evitare i controlli sulle attività del gioco d’azzardo messe in piedi dal gruppo criminale e - va specificato - finiti in manette anche grazie al contributo dato alle indagini dalle stesse fiamme gialle di Milano.
È sempre pià vasta, la «zona grigia». È un nuovo capitolo dell’inchiesta condotto dalle procure di Milano e Reggio Calabria, quarto capitolo dell’inchiesta che da mesi sta colpendo pezzo per pezzo la famiglia ’ndranghetista dei Lampada, e i suoi fiancheggiatori. Cinque, gli arresti eseguiti ieri dalla Squadra mobile su ordine del gip Giuseppe Gennari. E, sullo sfondo, ci sono pure pezzi dello Stato, con «preoccupanti fughe di notizie - scrive il giudice nell’ordinanza di custodia cautelare - riferibili ad ambienti dei servizi». Tanto che, in alcune intercettazioni e in un verbale di interrogatorio, spunta anche «Nic». Secondo gli inquirenti sarebbe addirittura Nicolò Pollari, ex numero uno del Sismi. Mesi fa erano stati già arrestati un avvocato, un politico calabrese e un giudice del tribunale di sorveglianza, e un primo maresciallo della Gdf. Ieri, la nuova informata di arresti. I tre militari in servizio al gruppo Milano avrebbero ricevuto ogni mese dai 40mila ai 60mila euro perché durante gli accertamenti (...)