Negli archivi Con una telefonata il sì di Krusciov al Muro di Berlino

È stata una telefonata di Nikita Krusciov a dare il via alla costruzione del Muro di Berlino, iniziata il 13 agosto 1961, nella notte tra sabato e domenica. Lo rivela il verbale di una lunga telefonata di due settimane prima, tra le 15.40 e le 18.00, intercorsa tra il premier sovietico ed il leader della Ddr, Walter Ulbricht, che premeva per bloccare la continua fuga in occidente dei tedeschi dell’est. Il quotidiano «Die Welt» ha pubblicato lunghi estratti di quella storica conversazione, la cui trascrizione è stata consegnata dalle autorità russe all’Archivio di Stato tedesco. Dopo aver parlato di questioni economiche, Ulbricht arriva al sodo e chiede: «Veniamo adesso alla chiusura dei confini, qual è la data migliore? Dal punto di vista tecnico possiamo farlo nel giro di due settimane». «Fatelo quando volete», gli risponde Krusciov, «per noi va bene in qualunque momento».